Politica

ESCLUSIVA - Il balletto degli assessorati, vertice segreto tra Zinzi e il sindaco di Caserta Del Gaudio

La questione posta dall'Udc è finalizzata a legare la nomina del quarto assessore provinciale del Pdl alla nomina di un terzo assessore Udc al Comune di Caserta. Ma ci potrebbe e


La questione posta dall'Udc è finalizzata a legare la nomina del quarto assessore provinciale del Pdl alla nomina di un terzo assessore Udc al Comune di Caserta. Ma ci potrebbe essere anche un'altra variabile: l'eventuale e probabile ballottaggio di Marcianise   CASERTA - 3,2,1 ... contatto! Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare. Ora non conosciamo il gradiente della durezza di Pio Del Gaudio, ma sappiamo che un sindaco molto incaz...zoso. Dunque questo nodo  dell'equilibrio degli assessorati tra amministrazione provinciale e amministrazione comunale di Caserta l'ha preso di petto. E allora ha pensato di andarci a parlare lui direttamente con il presidente della Provincia Zinzi. All'incontro, svoltosi ieri, martedì, che verrà replicato stamattina, mercoledì, ha partecipato anche Pasquale Giuliano. Ieri è stato un pour parler. Oggi si dovrebbe affrontare qualche argomento più concreto. Zinzi chiede il terzo assessorato per il quale ha un nome in testa, quello prestigioso di Peppe Cuscunà. Il sindaco Del Gaudio, si è detto, in linea di massima disponibile a condizione che il gruppo consiliare dell'Udc voti prima compattamente il Bilancio Consuntivo, la cui approvazione è prevista per dopodomani, 17 maggio, in prima convocazione. Da questo punto di vista Zinzi, potrebbe formulare una proposta speculare al Pdl, ritardando la nomina di Donato Affinito ad assessore ai giorni successivi all'approvazione del Bilancio Consuntivo della Provincia. Ma in considerazione del fatto che i tempi delle due approvazioni sono sfalsati, una eventuale nomina al Comune del terzo assessore Udc sbloccherebbe quella di Donatino. E non è improbabile conoscendo il cervello sempre in tiro di Mimì e le sue passioni di sempre, che il presidente della Provincia voglia portare questa storia fino al 27 maggio pomeriggio, quando si conosceranno i risultati delle elezioni comunali di Marcianise, che per Zinzi rappresenta la metà del suo cuore, con l'altra metà riservata alla sua famiglia. Nel caso in cui ci fosse un ballottaggio tra Ciro Foglia e Fecondo, Zinzi pretenderebbe l'apparentamento e l'appoggio del centrodestra. Insomma, come si può capire, le variabili sono diverse. E giusto per non farci mancare nulla, Del Gaudio avrebbe il problema di congedare  due assessori dalla sua giunta, dato che Paolo Marzo sbatte i suoi piedoni a terra da diversi mesi, rivendicando, non solo un posto in giunta, ma la delega pesantissima alle Attività Produttive, in proiezione a quello che questo potrà determinare nell'area Pip di San Benedetto, che la famiglia Marzo continua a considerare come un possibile nuovo core business dei propri affari. E se l'assessore Mariano avrebbe già dato al sindaco la disponibilità a fare un passo indietro, quale sarebbe la seconda testa a saltare, per far entrare, ad esempio Cuscunà, che tutto sommato non è sgradito nemmeno al sindaco e a Polverino, dato che li accomuna l'origine politica e la militanza in Alleanza Nazionale? Gianluigi Guarino