Cronaca Nera

Si nascondeva in Polonia il super corriere della droga dei Casalesi, arrestato Tamburrino

L'operazione eseguita dalla polizia di Cracovia. L'uomo aveva avviato lì un ristorante. Il mandato di cattura europeo emesso dai Gip di Napoli e di Reggio Calabria VILLA LITERNO


L'operazione eseguita dalla polizia di Cracovia. L'uomo aveva avviato lì un ristorante. Il mandato di cattura europeo emesso dai Gip di Napoli e di Reggio Calabria

VILLA LITERNO - Ieri, martedì, nei pressi di Cracovia (Polonia), personale della polizia polacca ha arrestato il latitante Augusto Tamburrino, di Villa Literno 62enne, pregiudicato, destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa il 3 giugno 2010 dal Giudice per le Indagini Preliminari di Napoli, con la quale è stata confermata un’analoga ordinanza emessa un anno prima dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Reggio Calabria, per “traffico di stupefacenti” ed “associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti”.

Con l’ordinanza cautelare indicata, Tamburrino, soggetto orbitante nella criminalità organizzata casalese, è imputato di traffico internazionale di stupefacenti in concorso sia con elementi di spicco del clan camorristico napoletano Baratto - Bianco, sia con esponenti apicali della ‘ndrangheta calabrese dei clan Cataldo di Locri (Reggio Calabria) e Commisso - Mazzaferrodi Marina di Gioiosa Ionica (Reggio Calabria).

Alcuni importanti dati info-investigativi acquisiti dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta hanno consentito di appurare la presenza del catturando nella citata località polacca e attivare la cooperazione internazionale di polizia per l’esecuzione del mandato d’arresto europeo, a seguito del quale il collaterale organo di polizia locale ha provveduto a rintracciare e catturare Tamburrino, che attualmente si trova provvisoriamente detenuto in Polonia in attesa del provvedimento estradizionale.

La presenza del latitante nei pressi di Cracovia non era occasionale o momentanea: egli aveva stabilito lì la propria dimora ed avviato anche un’attività di ristorazione.