Cronaca Bianca

FALCIANO DEL M. / Dal carcere alla reintegrazione sociale, un successo dell'associazione Sos

COMUNICATO STAMPA - Il gruppo è attivo nel comprensorio Mondragone, Sessa Aurunca, Carinola....   FALCIANO DEL MASSICO. L’Associazione S.O.S. “Sostegno Solidale”, con


COMUNICATO STAMPA - Il gruppo è attivo nel comprensorio Mondragone, Sessa Aurunca, Carinola....   FALCIANO DEL MASSICO. L’Associazione S.O.S. “Sostegno Solidale”, con un impegno costante verso i cittadini -volto ad offrire servizi di sportello legale, consulenza psicologica solidale, vestiario solidale, e occupandosi, inoltre, di casi di donne vittime di violenza-, attraverso un’intervista rilasciata dalla responsabile dell’Associazione, dott.ssa Esposito Angela Palma, comunica un fondamentale evento di sensibilizzazione sociale. Grazie all’aiuto della diocesi di Sessa Aurunca, infatti, l’Associazione è riuscita nell’intento di risoluzione di un problema familiare. Si tratta della reintegrazione sociale di un uomo, condannato in precedenza a scontare una pena carceraria, reinserito in un contesto rieducativo, al fine di scontare gli ultimi mesi della pena, attraverso, appunto, una “pena rieducativa”, fuori dal carcere. La Dott.ssa, ha sottolineato l’impegno dell’Associazione riguardo alla vicenda: “S.O.S. si è occupata in prima persona del caso in questione, prendendo provvedimenti alternativi di sostegno, anche per la moglie dell’uomo”. Le iniziative dell’Associazione, radicate sul territorio di Falciano del Massico, Mondragone e Calvi Risorta, ma in espansione anche nella zona di Sessa Aurunca, si contraddistinguono per il dogma “Impegnarsi per il sociale è un dovere”, motto di presentazione della dott.ssa Esposito che, tra l’altro, è Responsabile dell’ A.N.T.  In realtà, si sta assistendo ad una fitta rete di iniziative. Tra le tante ricordiamo la stretta collaborazione con Don Luigi Merola, col quale l’associazione ha indetto, prossimamente, la presentazione di un libro a favore del diritto d'infanzia contro la camorra, nel comune di Calvi Risorta. In agenda, inoltre, l’apertura della nuova sede falcianese (attualmente presso Villa luise), corrispondente della quale Annamaria Palmieri Presso Villa Luise, in corso Oriente, unita a progetti alternativi che hanno lo scopo di rivalorizzare la stessa Villa. La Dott.ssa, infine, invocando l’aiuto del Sindaco Giosuè Santoro e dei suoi Consiglieri, ha rivolto parole di riconoscimento verso le forze dell’ordine, dalle quali l’Associazione ha, e continua a ricevere, il sostegno necessario: “vorrei ringraziare sentitamente il Comandante dei Carabinieri di Mondragone Lorenzo Iacobone; i Vigili Urbani Marco Biondi, Giovanni Graziani e Manzillo; il responsabile dell’area di vigilanza di Falciano del Massico, Bernardo Scialò, ed Egidio Giramma, schierato con me a favore dei detenuti”. Ricordiamo che tutti i progetti dell’Associazione sono autofinanziati, contando numeri che si aggirano intorno alle 250 attività annue (tra iniziative di visite oncologiche, visite mediche ed informazione solidale), con 1.100 tesserati tra Mondragone, Calvi Risorta e Falciano del Massico. Con il suo cartellino da visita, l’associazione S.O.S. sembra rappresentare una vera e propria risorsa sociale per il nostro Comune e per buona parte del territorio ad esso circostantante