Cronaca Nera

AGG 20,41- ESCLUSIVA / L'ex sindaco di S.CIPRIANO Enrico Martinelli si è costituito al carcere di S.MARIA C.V

Il Riesame ha riformato la sua prima decisione dopo l'annullamento della Corte di cassazione AGG. 20,41 - Ecco il comunicato del Comando Provinciale dei Carabinieri di Case


Il Riesame ha riformato la sua prima decisione dopo l'annullamento della Corte di cassazione AGG. 20,41 - Ecco il comunicato del Comando Provinciale dei Carabinieri di Caserta: In Santa Maria Capua Vetere, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Caserta hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale del riesame di Napoli a carico di Enrico Martinelli , cl. 1971, già sindaco del comune di San Cipriano d’Aversa, poiché ritenuto responsabile di concorso esterno in associazione per delinquere di stampo mafioso. Il Provvedimento, emesso in seguito all’annullamento operato dalla corte di Cassazione con un ordinanza di scarcerazione disposta dal riesame nel maggio del 2012, successiva al provvedimento emesso nel mese di marzo dello stesso anno dall’Ufficio del Gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale  DDA per i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, nei confronti del Martinelli e di altri 8 indagati tra cui anche AntonioIOVINE , cl. 1964. Gli attuali riscontri raccolti  dai militari dell’Arma, arricchiti da ulteriori elementi prova hanno permesso al  P.M. titolare dell’indagine di predisporre un articolata memoria che ha confermato la responsabilità del Martinelli circa il reato contestato. L’arrestato è stato pertanto associato presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere a disposizione dell’A.G. . CASERTA - Si è costituito stamattina, martedì, dopo tre giorni da ricercato, al carcere di Santa Maria C.V. l'ex sindaco di S.Cipriano d'Aversa Enrico Martinelli, recentemente colpito da un ordine di arresto legato alla riforma della decisione da parte del Tribunale del riesame sollecitato al riguardo, dalla Corte di cassazione che aveva accolto il ricorso presentato dal Pm della Dda Antonello Arditura, avverso a una prima decisione del Tribunale del riesame favorevole ad Enrico Martinelli. L'ordine di custodia cautelare riguarda la famosa inchiesta dei pizzini mandatigli dal cugino omonimo, boss del clan dei Casalesi.  Antonio Caputo