Cronaca Bianca

ESCLUSIVA AVERSA / Vergognoso, il debito del comune con i depositi giudiziari delle auto ha superato il milione di euro. Veicoli fermi da 16 anni

La legge prevede che dopo 90 giorni dovrebbero essere rottamate. Il sindaco Sagliocco scrisse una lettera al comandante dei vigili, ma da allora nulla si è mosso, se non il caric


La legge prevede che dopo 90 giorni dovrebbero essere rottamate. Il sindaco Sagliocco scrisse una lettera al comandante dei vigili, ma da allora nulla si è mosso, se non il carico debitorio del Comune nei confronti dei due depositi   AVERSA - Vergognosa e pericolosa. Sono due aggettivi non abusati e certo non roboanti per descrivere quello che sta succedendo ad Aversa nei depositi giudiziari dove sono custodite le auto rimosse, abbandonate, sequestrate e che nessuno mai è andato a ritirare. Della vicenda ci siamo occupati alcuni mesi fa, ma evidentemente, nonostante le denunce di Casertace, nulla è cambiato. Il sindaco Sagliocco scrisse una lettera in cui chiedeva chiarimenti al comandante dei vigili urbani Guarino. Non sappiamo se quei chiarimenti siano o meno arrivati, ma sappiamo che quasi un altro anno è trascorso e la situazione, oltre ad appesantire la sua cifra di illegalità, ha appesantito anche il debito che il Comune di Aversa ha accumulato nei confronti dei depositi giudiziari. La legge dice che se entro 90 giorni, l'auto non viene ritirata devono essere iniziate e attuate immediatamente le procedure per la sua rottamazione. Ebbene, nei depositi di Aversa si trovano auto in giacenza dal 1997, cioè da 16 anni. Un fatto incredibile. Tenete conto che secondo le tariffe ministeriali, la custodia di un auto costa al Comune 60 centesimi al giorno. Tra auto e motorini mai ritirati nei due depositi, siamo ampiamente sopra quota mille. 800mila euro di debito il Comune li ha sul groppone solo con uno dei due depositi e solo per la custodia delle auto. A qualche altra centinaia di migliaia di euro ammonta, invece il debito per i motorini. Nell'altro deposito, cifre inferiori, ma è chiaro che siamo molto al di là del milione di euro. A questo punto si potrebbe anche profilare un danno erariale. Speriamo che il Comune di Aversa chiarisca al più presto questa situazione, che, giorno per giorno, oltre ad aggravare il fardello economico a carico della collettività, diviene sempre più oscura. G.G.