Cronaca Bianca

ESCLUSIVA AVERSA / I commercianti di via Seggio: "In due fine settimana perso il 60% degli incassi"

Costituita un'associazione per discutere dei problemi relativi alla Movida e alle ordinanze emesse dal sindaco Sagliocco che prevedono limitazioni nelle emissioni acustiche e chiu


Costituita un'associazione per discutere dei problemi relativi alla Movida e alle ordinanze emesse dal sindaco Sagliocco che prevedono limitazioni nelle emissioni acustiche e chiusura dei locali a partire dalle 2.   AVERSA - I commercianti di via Seggio hanno costituito un'associazione. L'hanno fatto per rendere razionale l'espressione dei propri interessi, per aprire una dialettica ordinata con l'amministrazione comunale. Sanno di avere anche loro delle responsabilità in merito alla pericolosità della Movida cittadina, che ha toccato livelli parossistici nella tragedia dell'omicidio di Emanuele Di Caterino. "Abbiamo piena coscienza - dichiara a Casertace uno di loro - che anche noi dobbiamo fare la nostra parte, perchè le serate dello svago e del divertimento diventino momenti di autentica evasione, di autentica e gioiosa socializzazione, esente da pericoli e da rischi" Insomma, i commercianti di via Seggio che hanno vissuto in questi anni un vero e proprio boom di presenze non sfuggono all'esercizio di una sana autocritica. Ma detto questo vogliono aprire un dialogo immediato con l'amministrazione comunale in modo da ripristinare le condizioni affinchè le persone tornino tranquillamente a divertirsi davanti ai loro locali. "Ci rendiamo conto - aggiunge ancora il commerciante da noi interpellato - che l'amministrazione comunale ha dovuto assumere necessariamente determinati provvedimenti di fronte ad un fatto di inaudita gravità. Ma ora dobbiamo cercare insieme di trovare delle soluzioni. La chiusura inderogabile dei locali alle 2 e l'interruzione di ogni emissione musicale, ha creato già danni enormi. Non esagero se dico che negli ultimi due fine settimana si è registrato un calo degli incassi pari al 60 %". Una vera e propria emergenza, che sarà messa nero su bianco in un rapporto che verrà consegnato all'amministrazione comunale di Aversa in un incontro già fissato per venerdì 26 aprile. G.G.