Cronaca Nera

CAMORRA/ Per i familiari delle 300 vittime innocenti assunzioni dirette in Regione e Asl

Il dato è offerto dalla fondazione Polis presieduta da Paolo Siani. Il provvedimento è incluso nel maxi emendamento della finanziaria 2013.   La mano delle istituzioni


Il dato è offerto dalla fondazione Polis presieduta da Paolo Siani. Il provvedimento è incluso nel maxi emendamento della finanziaria 2013.   La mano delle istituzioni tesa verso chi ha perso un proprio caro nella maniera piu' crudele: per un errore del 'gruppo di fuoco' che doveva eliminare un esponente del clan rivale, o perche' ci si trovata semplicemente al momento sbagliato nel posto sbagliato. Sono quasi 300, in Campania, le vittime innocenti della criminalita', organizzata e non, e del terrorismo, un record tra le regioni italiane. Il dato e' della Fondazione Polis, braccio operativo della Regione Campania per le politiche integrate di sicurezza, per le vittime innocenti della criminalita' e per i beni confiscati. E proprio recependo quanto richiesto dalla Fondazione, la Regione Campania, con un comma contenuto nel maxi emendamento della Finanziaria 2013, ha recepito per prima in Italia i dettami della legge nazionale approvando l'assunzione a chiamata diretta per i familiari delle vittime innocenti. "Siamo entusiasti e non potrebbe essere altrimenti", dichiara all'Adnkronos Enrico Tedesco, segretario della Fondazione Polis che e' presieduta da Paolo Siani, fratello di Giancarlo, il giornalista del Mattino ucciso dalla camorra nel 1985 La norma della Regione Campania prevede inoltre che le assunzioni possano arrivare al 10% della necessita' di personale, a differenza di quanto prevede la legge n. 763 del 26 dicembre 1981 in base alla quale e' attribuita, in favore dei soggetti aventi diritto, una quota di riserva sul numero di dipendenti dei datori di lavoro pubblici e privati che occupano piu' di cinquanta dipendenti, pari all'1%. I familiari delle vittime innocenti, coinvolti in fatti delittuosi commessi in Campania o che risiedano nel territorio regionale, potranno essere assunti a chiamata diretta dalla Regione, dalle Aziende sanitarie locali o dalle aziende ospedaliere, dagli enti e dagli organismi dipendenti dalla medesima, sulla base dei titoli di studio posseduti. Entro novanta giorni dall'entrata in vigore della Finanziaria, la Giunta regionale adottera' le linee guida per l'attuazione di quanto previsto. "Questa norma contiene una grandissima novita' - spiega Tedesco - perche' non solo fa eco, e quindi attualizza, una previsione nazionale, ma e' il segnale chiaro che come Regione siamo impegnati e faremo assunzioni come previsto dalla legge"