Politica

ROCCAMONFINA/ La Nugnes tuona contro il presidente della comunità montana Delle Donne. La Tari incassa e sta zitta

Parole forti quelle pronunciate dalla consigliere regionale delegata all'agricoltura nel corso di un convengno in cui si è parlato della crisi del settore della castanicoltura. "


Parole forti quelle pronunciate dalla consigliere regionale delegata all'agricoltura nel corso di un convengno in cui si è parlato della crisi del settore della castanicoltura. "Basta promesse elettorali e basta sprechi"

ROCCAMONFINA - “Basta fare campagne  elettorali sulle spalle dei cittadini”. Con questa affermazione l’onorevole Daniela Nugnes, consigliere regionale con delega all'agricoltura  ha ricevuto il plauso dei partecipanti quasi tutti Baif all’incontro sul tema: “Economia e ambiente, binomio indissolubile a Roccamonfina, luogo in cui l’economia crea l’ambiente.” L’impavida Nugnes dopo aver ascoltato in silenzio  le argomentazioni dei relatori che hanno riferito dei problemi della castanicoltura, ha poi preso la parola per le  consuete conclusioni dei lavori,  ed ha bacchettato il presidente della Comunità Montana Monte Santa Croce Pietro delle Donne nonché i sindaci e presidenti  che utilizzerebbero le campagne elettorali per i loro secondi fini. L’intervento della Nugnes molto esaustivo, è avvenuto sotto gli occhi del sindaco Letizia Tari, la quale nonostante in questi 5 anni abbia dato appoggio alla maggioranza dell’Ente Montano non ha proferito parola, tutte le volte che l’onorevole ha chiamato in causa il presidente Delle Donne assente alla seduta. “ Dobbiamo trovare le soluzioni e non i colpevoli- ha dichiarato nel suo intervento l’onorevole Nugnes- Con i lanci dei Torymus non si è risolto il problema del cinipide neanche nelle regioni dove gli interventi sono iniziati nel 2002. Stiamo pensando di associare alla lotta biologica altre forme di lotta, cosi da superare in maniera definitiva le varie problematiche che affliggono le colture castanicole”. A coloro che si aspettavano di fare dell’incontro un momento per lanciare le amministrative roccane, evidenziate dai candidati del sindaco Tari che sedevano in prima linea, ed altresì per sparare a zero sul parco regionale Roccamonfina Foce Garigliano la Nugnes ha ribadito:  “ I parchi devono essere vissuti come pura  economia, infatti a livello europeo hanno una valenza maggiore del settore agricoltura. Si deve lavorare in sinergia con i presidenti dei parchi visto che ultimamente  possono contare su maggiori fondi finanziari. Basta alle campagne elettorali fatte a discapito dei cittadini, hanno già procurato abbastanza problemi anche nel settore della forestazione. Non credete a coloro che  dicono - ha concluso l'onorevole -  che si licenzieranno gli operai idraulici forestali, chiedete invece a  loro come mai hanno fatto progetti sbagliati, sottoscritto cifre inesistenti. Dopo  5 mesi di incarico,  l’obiettivo primario  che mi sono prefissa è l’emanazione della legge sulla forestazione. Non si può più  stare a guardare presidenti che non pagano gli operai,  ma poi ne  assumono altri”. L’onorevole Daniela Nugnes ha dimostrato, dunque, di essere coerente al suo ruolo istituzionale, infatti se pure invitata ha detto la verità dei fatti e non quello che qualcuno forse si aspettava. Il valido  responsabile dello Stapacepica Vincenzo Orologiaio come sempre ha illustrato  magistralmente le fasi di crescita del cinipide e torymus. Anna Izzo