Politica

MONDRAGONE / La crociata di Pagliaro sull'esenzione Imu ai "collaboratori di giustizia"

Braccio di ferro, ieri giovedì, in Consiglio comunale. Il centrista critico sulla proposta di delibera MONDRAGONE - Mentre si sta inasprendo lo scontro politico sul caso dei l


Braccio di ferro, ieri giovedì, in Consiglio comunale. Il centrista critico sulla proposta di delibera MONDRAGONE - Mentre si sta inasprendo lo scontro politico sul caso dei loculi cimiteriali, un altro argomento ha surriscaldato il clima politico del civico consesso di ieri, giovedì: quello della proposta di modifica del regolamento Imu per esentare totalmente quanti abbiano utilmente collaborato con la giustizia e siano state vittime di reati di criminalità organizzata o usura. Durissimo è stato l'intervento del conigliere della coalizione di Centro Alessandro Pagliaro al riguardo. L'esponente dell'Udc ha fortemente stigmatizzato la presunta approssimazione con cui la maggioranza  ha introdotto il tema dell'ampliamento della (peraltro già disposta dal Commissario Capomacchia) esenzione IMU per alcuni soggetti che abbiano collaborato  con la giustizia. Il consigliere centrista ha preteso che la esenzione in questione non venisse riconosciuta in nessun caso ai collaboratori di giustizia in senso tecnico ( e cioè quelli il cui status è' regolato dalla l. N 45/2001) perché diversamente si violerebbe lo spirito incentivante voluto dal Commissario Capomacchia che per primo indicò questa strada come possibile sentiero capace di concretizzare un momento di stimolo per le persone offese ( e solo per queste e non già per i collaboratori in senso tecnico che per la maggior parte delle volte sono stai carnefici e non vittime) affinché credano e si affidano alle forze dell'ordine. La delibera per come è stata proposta, come ha sostenuto in Assise il centrista, avrebbe potuto creare una aspettativa quantomeno formale, da parte dei collaboratori di giustizia, ad usufruire dell'esenzione e la cosa sarebbe stata - secondo le tesi di Pagliaro - davvero inaccettabile anche perché la norma di riferimento (45/01) prevede già notevoli benefici economici per i cosiddetti Pentiti in senso tecnico. Infine il consigliere della coalizione di centro si è' riservato di presentare una mozione ad hoc per estendere l'estensione ai figli delle vittime di camorra e cioè a persone di Mondragone che si sono visti strappati i genitori e che più di chiunque altro sono da considerarsi vittime irrisarcibili della criminalità organizzata e che, tuttavia, non hanno quasi mai la possibilità di rendere dichiarazioni concretamente utili alle indagini perché magari ignari delle causali e delle responsabilità certe che hanno determinato il decesso dei proprio genitori. Infine sempre Pagliaro ha denunciato la totale distrazione della maggioranza Schiappa per la condizione femminile, indifesa e vittima di reati efferati. La coalizione di centro proporrà di estendere l'estensione IMU anche alle donne che siano state vittima di sfruttamento della prostituzione o di violenti reati domestici o sul posto di lavoro.