Politica

CANCELLO ED ARNONE ALLE ELEZIONI/ Concorso in comune per funzionario contabile. Ambrosca presenta una denuncia alla Procura della Repubblica

Il bando di concorso è stato approvato con la determina n.1 del 8 gennaio 2013. La lettera dell'avvocato di certo contribuirà ad infiammare ancor di più gli animi già accesi


Il bando di concorso è stato approvato con la determina n.1 del 8 gennaio 2013. La lettera dell'avvocato di certo contribuirà ad infiammare ancor di più gli animi già accesi per l'imminente competizione elettorale.   CANCELLO ED ARNONE – Dopo le dichiarazioni in merito alla candidatura di Concetta Paolo e alle visite della Guardia di finanza in municipio, rilasciate pochi giorni fa, Raffaele Ambrosca torna alla carica redigendo una lettera, indirizzata, oltre ai principali organi amministrativi, alla Procura della Repubblica, alla Corte dei Conti e al Prefetto, che ha per oggetto lo svolgimento della prova scritta concorsuale relativo al concorso per l’assunzione part time, a tempo indeterminata, di un funzionario contabile. Per l’avvocato di Arnone l’elemento da mettere in evidenza, che andrebbe ad avvalorare la sua tesi di inopportunità del concorso, è il parere negativo espresso dal Revisore dei conti dott. A. Sabatino, parere negativo scaturito “dal fatto che  - sostiene Ambrosca – il comune di Cancello ed Arnone non ha rispettato la regolamentazione prevista per il turn-over delle assunzioni pari al 20% del personale collocato in pensione nell’anno precedente”.  A questa tesi di inopportunità Raffaele Ambrosca aggiunge anche che “il comune giammai avrebbe potuto indire il concorso  per la mancata osservanza del patto di stabilità- precisa il capogruppo di minoranza – così come dichiarato dal Revisore dei Conti” Raffaele Ambrosca espone nella lettera anche un’altra vicenda  relativa all’incarico di legale di fiducia del comune a Gaetano Viola, “nonché responsabile – scrive Ambrosca – del settore AA FF-Tributi. Tutto ciò giustificato con la motivazione di contenere la spesa pubblica”. Ma con la determina n.49 del 7/03/2012 “l’ente comunale – dichiara il capogruppo di minoranza – ha conferito incarico all’avvocato Luigi Coviello per resistere in giudizio contro gli utenti che hanno presentato ricorso per la Tia. Per chiarezza espositiva – conclude Ambrosca- l’avvocato Coviello assume la veste giuridica di difensore dell’Ente nei confronti dei cittadini che hanno proposto il ricorso Tia e al contempo è organo terzo nella Commissione di concorso nella quale risulta componente.” Giuseppe Tallino