Cronaca Bianca

AVERSA Ospedale Moscati/ Il Prefetto si impegna, ma al momento nel bronx pronto soccorso non arriva il drappello di polizia

COMUNICATO STAMPA -  Dal comune il testo integrale della lettera ricevuta dalla Prefettura in cui si fa riferimento, naturalmente, ad attività di sensibilizzazione. Ma al moment


COMUNICATO STAMPA -  Dal comune il testo integrale della lettera ricevuta dalla Prefettura in cui si fa riferimento, naturalmente, ad attività di sensibilizzazione. Ma al momento niente di concreto si è ancora verificato. 

  AVERSA -Il sindaco di Aversa, Giuseppe Sagliocco, le scorse settimane ha scritto al Prefetto di Caserta, Carmela Pagano, chiedendo un incontro per discutere dell’emergenza sicurezza del Presidio Ospedaliero ‘Giuseppe Moscati’ di Aversa. Sotto la lente d’ingrandimento, il primo cittadino di Aversa, metteva la situazione sicurezza al pronto soccorso del presidio ospedaliero normanno. Sagliocco sollecitava il Prefetto in seguito “alla seduta del Consiglio Comunale di questa Città, tenutasi il  22 marzo, nel corso del quale, è stato votato, all’unanimità dei presenti, un ordine del giorno  con cui è stato richiesto il ripristino del Drappello della Polizia di Stato per prevenire e garantire interventi immediati a fronte delle situazioni di pericolo che troppo spesso si verificano”. Immediata la risposta dell’Ufficio Territoriale del Governo di Caserta che, con una nota a firma del Prefetto Pagano, ha spiegato come “in riferimento alla richiesta di ripristino del Drappello della Polizia di Stato presso il Presidio ospedaliero Moscati di Aversa, si rappresenta che la problematica della sicurezza del predetto presidio è stata già approfondita con le Forze dell’Ordine già nella riunione di coordinamento  del 31 gennaio u.s. Nella circostanza, si è ritenuto di sottoporre all’attenzione del Direttore Generale dell’Asl di Caserta, alcuni spunti di valutazione per la possibile adozione di correttivi finalizzati a migliorare i sistemi di vigilanza e per dare una maggiore percezione di sicurezza agli utenti ed agli operatori del settore sanitario. Si rappresenta, comunque, che sono state ora interessate nuovamente le Forze dell’Ordine per un approfondimento della situazione della sicurezza presso il nosocomio normanno e per verificare se sono state già intraprese iniziative di tipo organizzative a suo tempo suggerite. Si fa riserva di una valutazione complessiva della problematica con la S.V. non appena perverranno le risultanze delle forze dell’ordine”.