Politica

Il piano di Pasquale Giuliano: una "super-candidatura" alle elezioni europee

Pasquale Giuliano sta lavorando seriamente per ricucire lo strappo con Gennaro Coronella e Mario Landolfi. Lo fa, ovviamente, con la speranza di ottenere i voti dei due ex An in v


Pasquale Giuliano sta lavorando seriamente per ricucire lo strappo con Gennaro Coronella e Mario Landolfi. Lo fa, ovviamente, con la speranza di ottenere i voti dei due ex An in vista di una candidatura alle elezioni europee del prossimo anno. Dovrà vedersela, però, con Paolo Romano, che ambisce, da tempo, ad un seggio a Strasburgo. CASERTA – Questione di carattere. Pasquale Giuliano, dopo la delusione della mancata ricandidatura al Parlamento non si è affatto abbattuto, al contrario. Si sente rigenerato, ringalluzzito, al punto da essersi fatto carico, in queste ultime settimane anche di un primo tentativo di recupero di Gennaro Coronella e di Mario Landolfi. Sia chiaro, non è che Pasquale Giuliano sia divenuto improvvisamente un filantropo della politica. Niente si fa per niente e allora le voci che considerano Giuliano una delle opzioni più forti e autorevoli del Pdl nelle prossime elezioni europee trovano fondatezza proprio in questa grande attività e nel feeling che rasenta l’empatia instaurato con Angelo Polverino che potrebbe essere un significativo grande elettore proprio di Giuliano. Occorrerà però, che il partito faccia uno strappo alla regola e che candidi non uno, come è sempre capitato, ma addirittura due esponenti del partito casertano, dato che anche Paolo Romano, da tempo, prepara la candidatura per Strasburgo e Bruxelles. G. G.