Politica

MONDRAGONE / LA CRISI DI SCHIAPPA Il Pdl all'attacco del socialista Napolitano. Zannini: "Miraglia stia zitto"

Botta e risposta tra gli esponenti politici mondragonesi. I centristi difendono la posizione assunta dal consigliere ribelle MONDRAGONE - COMUNICATO STAMPA -Dopo aver letto il


Botta e risposta tra gli esponenti politici mondragonesi. I centristi difendono la posizione assunta dal consigliere ribelle MONDRAGONE - COMUNICATO STAMPA -Dopo aver letto il comunicato stampa del neo coordinatore del PDL Mondragonese (o meglio del portavoce – quanto a comunicati stampa - del sindaco Giovanni Schiappa), l’unico commento che posso fare è il seguente: “Ermanno Miraglia ha perso una altra occasione buona per stare zitto”. Onestamente, lo Schiappa Boy ‘s Miraglia non mi pare essere persona con esperienza e competenza politica tali da poter sindacare – in modo peraltro fuorviante – il resoconto scritto (le famigerate 5 pagine di Napolitano) (CLICCA QUI PER LEGGERE L'ARTICOLO SULLE 5 PAGINE SCRITTE DA NAPOLITANO) con cui il locale esponente del NPSI ha bocciato senza appello (e giustamente) l’immobilismo dell’esecutivo guidato dal sindaco Giovanni Schiappa. Non credo proprio (e ritengo di interpretare il senso comune della maggior parte dei cittadini) che lo Schiappa Boy’s Ermanno Miraglia si possa permettere una simile sufficienza nel commentare l’intervento di Napolitano.   La città è ferma, l’economia è al palo, l’immigrazione clandestina (e cioè uno dei primi punti del programma del Sindaco Schiappa) si è intensificata, il servizio di raccolta dei RSU è parziale (ritengo ai limiti della truffa contrattuale). Il consigliere Napolitano, in questo momento, è il vero termometro della protesta e della insofferenza cittadina verso l’immobilismo della giunta Schiappa e soprattutto verso la stagione di arroganza (lo ripeto priva di sostanza) di cui si sta rendendo protagonista e che sta producendo un clima di conflittualità permanente non solo nei rapporti con le minoranze ma, soprattutto, all’interno della maggioranza. Napolitano ha la solidarietà e la vicinanza dell’intera coalizione di centro aperta al dialogo costruttivo con quanti (Napolitano in primis) dimostrano senso di autonomia, e intendono la politica come servizio puro e disinteressato. All’amico Miraglia do il seguente, sincero, consiglio: “Caro Ermanno, se questo fosse un processo, ti consiglierei di patteggiare poiché ritengo che la difesa di Schiappa, in questo momento, sia insostenibile”.  

Avv. Giovanni Zannini

Per la Coalizione di Centro