Cronaca Bianca

AVERSA/Che stangata per i 6x3,120 dovranno essere rimossi: 23mila € di multe

I primi numeri dell'azione decisa dell'amministrazione comunale contro una plateale irregolarità che ha arricchito imprenditori e anche un bel po' la camorra.   AVERSA -


I primi numeri dell'azione decisa dell'amministrazione comunale contro una plateale irregolarità che ha arricchito imprenditori e anche un bel po' la camorra.   AVERSA - “Tolleranza zero per i cartelloni pubblicitari abusivi”, l’ha dichiarata il sindaco di Aversa, Giuseppe Sagliocco sin dal suo insediamento. Intanto può dirsi concluso l’iter del procedimento di rilevazione e sanzionamento su tutto il territorio comunale ad eccezione di pochi casi nei quali gli operatori della Polizia Municipale non sono sTati in grado, per carenza o assenza di elementi oggettivi, di individuare il responsabile della violazione. ù Sono 120 gli impianti presenti su tutti il territorio cittadino che presto saranno rimossi perché non autorizzati. Si è concluso, infatti, l’iter per l’affidamento del servizio rimozione cartelloni pubblicitari abusivi. Il bando per la demolizione dei cartelloni abusivi arriva in seguito alla redazione di accertamenti di violazione del Codice della Strada in materia di impianti pubblicitari rilevati su tutto il territorio comunale. 60 verbali sono stati redatti per mancanza di autorizzazione (art.23 comma 34 e 11 del Codice della Strada) con sanzioni elevate per un totale di oltre 23mila euro (60 verbali *23.880,00) e 30 verbali per mancata rimozione a seguito di precedente verbale (art. 23 comma 13bis del Codice della Strada) per un importo superiore a 51mila euro (30*140.880). “Non è possibile – spiega il primo cittadino che ha dichiarato tolleranza zero ai cartelloni pubblicitari abusivi – avere la Città tappezzata di questi grandi manifesti, anche perché bisogna considerare un dato importante. Anni fa sono state rilasciate molteplici autorizzazioni sulla base di un disciplinare mentre il Comune aveva una sua regolamentazione che, illo tempore, venne ignorata.  Sulla scorta di queste errate autorizzazioni si rende necessario revocare quel provvedimento e applicare le norme regolamentari contenute nel piano generale della pubblicità”. E conclude Sagliocco: “Torneremo ad applicare correttamente il regolamento approvato a suo tempo in Consiglio Comunale e non disciplinari che non hanno competenza in materia”. Benché non autorizzati, gli impianti posters, ovvero i cosiddetti 6X3 devono, in ogni caso pagare la tassa sulla pubblicità riscossa, per il Comune di Aversa, dalla Publisevizi srl. Analizzando i dati, si nota come quasi tutte le ditte sono in debito con il Comune di Aversa. I proprietari dei cartelloni 6*3, infatti, pur non avendo le necessarie autorizzazioni devono pagare la tassa relativa alla pubblicità.