Politica

S. MARIA C.V. / Dopo la beffa del mancato rimpasto, Di Muro ha pronti tre consiglieri di minoranza per rimpiazzare eventuali ribelli

Domani sera, giovedì, incontro bilaterale con i Sammaritani, ma resta rigida la condizione relativa ad eventuali nuovi assessori che potranno arrivare solo dai ranghi dei consigl


Domani sera, giovedì, incontro bilaterale con i Sammaritani, ma resta rigida la condizione relativa ad eventuali nuovi assessori che potranno arrivare solo dai ranghi dei consiglieri comunali   SANTA MARIA CAPUA VETERE - Troppa televisione "stroppia" e anche tutti questi canali All News creano processi impropri di immedesimazione. E così capita che il sindaco Di Muro si mette a fare il Bersani e nell'infinita trattativa per un rimpasto di giunta diventato ormai una leggenda metropolitana, organizzi degli incontri bilaterali. Domani sera, giovedì, vedrà il gruppo de I Sammaritani, che Di Muro e Stellato hanno appena fregato con la condizione apposta come unica, ma irrinunciabile per dare vita allargamento della giunta: i nuovi assessori, se vorranno diventare tali dovranno essere i consiglieri comunali. Naturalmente questo ha immediatamente raffreddato i bollenti spiriti dei vari Munno e anche di Troianiello del Pd, i quali sanno bene che entrando in giunta e favorendo, come nel caso dello stesso Troianiello, l'ingresso in Consiglio di un super amico di Stellato, come Buscetto, potrebbero essere cacciati via in ogni momento da Di Muro, di cui andrebbero alla mercé. Tutta questa situazione ha anche rovinato, per l'ennesima volta, i piani di Dario Mattucci, il quale lo metterebbe anche un consigliere comunale in giunta, pur di far entrare nell'Assise il mitico Lebbioli che attende da una vita. Ma chiaramente, o l'operazione è complessiva, oppure non è fattibile. Quindi, tutto rimane fermo, anche perchè il sindaco Di Muro, se proprio qualcuno tra i Sammaritani drizzasse le penne è sempre pronto a utilizzare la sua riserva di sopravvivenza. Due o tre consiglieri che abitano in una sorta di limbo, ma che possono dar manforte alla maggioranza. Si parte da Martino Valiante che non si mobiliterebbe per Di Muro, ma non sarebbe insensibile ad una chiamata dei socialisti di Oliviero, Nicola Leone e della Chirico. Poi c'è il solito Alfonso Salzillo e che ne parliamo a fa'. Ed infine, i rumors di questi ultimi giorni narrano anche di alcune inquietudini che avrebbero assalito il consigliere comunale Valletta. G.G.