Cronaca Bianca

ESCLUSIVA AVERSA / Cottimi e somme urgenze. Assalto alla dirigenza prima del regolamento. TUTTI I NOMI DI CHI BECCA FIOR DI QUATTRINI

I vecchi disciplinari, attraverso cui i dirigenti per decenni hanno fatto il bello e il cattivo tempo saranno sostituiti entro 3 mesi da un regolamento più stringente, per il qua


I vecchi disciplinari, attraverso cui i dirigenti per decenni hanno fatto il bello e il cattivo tempo saranno sostituiti entro 3 mesi da un regolamento più stringente, per il quale molto si è battuto il consigliere comunale del Pd, Marco Villano. Ma dato che ci siamo raffica di affidamenti concentrati sempre sulle stesse imprese. C'è anche un ex consigliere comunale   AVERSA - Il consiglio comunale ha approvato di recente il nuovo regolamento per i cottimi fiduciari. Un momento molto atteso, perchè per anni ed anni, ad Aversa (ma naturalmente questo è un giochino clientelare praticato da tutte le amministrazioni locali, titolari della potestà di promuovere e realizzare lavori pubblici) si è fatto il bello e il cattivo tempo con imprese, professionisti e una variegata umanità di tecnici e faccendieri ad arricchirsi facendo più che un occhiolino alla politica locale. Questo regolamento contiene delle misure interessanti che non neutralizzano certo il pericolo che taluni affidamenti possano essere incanalati esattamente verso le persone o gli imprenditori che magari hanno dato un aiutino in campagna elettorale o danno un aiutino, nel presente, alla realizzazione dell'attività politica di questo o di quell'altro capetto. Ma qualcosa questa riforma cambia sul serio, sia per gli affidamenti al di sotto dei 20mila euro in cui il sorteggio sostituisce il giochino del protocollo e in cui i vari dirigenti, che si sono succeduti, hanno fatto il bello e il cattivo tempo, autoregolamentandosi, in assenza appunto di un formale regolamento con degli improbabili disciplinari; sia per gli affidamenti più importanti, quelli relativi a lavori con importi che vanno da 20.000 a 200.ooo euro, in cui l'altra barzelletta, che resta vigente in comuni come quello di Caserta, delle 5 imprese invitate più o meno discrezionalmente, viene sostituita da un più rigoroso regime che prevede l'invito alla gara di tutte le aziende iscritte nell'elenco di quelle di fiducia del Comune, e in caso che queste siano più di 30, del 50% delle stesse. Questo è ciò che verrà, perchè il fatto che il regolamento sia stato approvato dal Consiglio comunale non significa che si tratti di un regolamento già in vigore. Occorrerà qualche mese, tra pubblicazioni ed altre procedure. Forse per giugno sarà effettivamente in vigore, per la soddisfazione del consigliere comunale del Pd, Marco Villano, presidente della commissione Lavori Pubblici, che per la sua approvazione si è battuto più di tutti. E che questo regolamento nonostante sia stato approvato, rappresenti per il momento solo una promessa di una più equa e regolare realizzazione delle procedure di gara è dimostrato dal vero e proprio assalto alla dirigenza che è avvenuto sul fronte dei cottimi fiduciari negli ultimi mesi. Vi diamo un p0' di numeri, ma non diamo i numeri. 501, 485, 522, 108, 109, 118. Un algoritmo che ha un senso, ma che soprattutto profuma di quattrini. Sono le 6 determine spalmate tra dicembre e metà marzo, in cui sono stati affidati lavori sempre alla stessa impresa per un totale di 45mila euro. Insomma, una vera e propria beneficiata. L'impresa in questione è la Demar, che o è fortunata o ha molti santi nelle poco paradisiache stanze del comune di Aversa. Altro giro, altri numeri: 17, 32 e 43. Sono le 3 determine di inizio anno che hanno gratificato tutte la stessa impresa, la Miru che in un batter d'occhio ha intascato 25mila euro, la quale però nell'elenco delle imprese di fiducia ha una posizione molto precedente alla Demar e questo lascia pensare che non ci sia un ordinato e perfetto rispetto dell'ordine dell'elenco. Ultimi numeri: determine 115 e 122 che affidano direttamente lavori all'impresa Edil Cam che fa riferimento all'ex consigliere comunale Campochiaro, candidato alle ultime elezioni amministrative di Aversa nel Pdl. Sagliocco aveva promesso di cambiare l'andazzo, forse non opponendosi all'approvazione del nuovo regolamento, lo sta anche facendo, però leggere queste cose e consultare queste determine è molto deludente per chi aveva ascoltato le sue parole su un rinnovamento possibile. Gianluigi Guarino