Politica

La Picierno parla gli altri si alzano e se ne vanno. E la riunione Pd finisce a piatti in faccia

Duro scontro in cui si sono fronteggiati da un lato Graziano, Esposito e la Sgambato, Cappello e Munno, dall'altro Feole e Picierno con Caputo in posizione leggermente più sfumat


Duro scontro in cui si sono fronteggiati da un lato Graziano, Esposito e la Sgambato, Cappello e Munno, dall'altro Feole e Picierno con Caputo in posizione leggermente più sfumata.    CASERTA - Il tatto può essere, ma può anche non essere una qualità politica. Ma,stamattina, forse, ne occorreva un po' di più a Pina Picierno mentre interveniva al cospetto degli altri candidati non eletti alle ultime elezioni politiche. Forse la Esposito, la Sgambato, Graziano, si aspettavano maggiore umiltà e non pontificazioni così come hanno avvertito fossero le parole della Picierno. Risultato finale: quasi tutti i presenti alla riunione convocata da Ludovico Feole, compresi i sindaci Enzo Cappello e Munno, si sono alzati e andati via. Fine di una riunione all'insegna del tutti contro tutti. Gli uomini più in vista del Pd tornavano a vedersi dopo le elezioni politiche, mancavano la Capacchione, impegnata contemporaneamente in un convegno dei Giovani Industriali, e anche Dario Abbate ben rappresentato dal sindaco di Macerata Luigi Munno. Si doveva deciderà il percorso che avrebbe dovuto portare a un nuovo tesseramento, alla convocazione di una direzione e a quella del congresso. Alla fine nessun accordo. Graziano, Sgambato, la Esposito, Munno e Cappello hanno chiesto che la transizione sia gestita da un organismo allargato che comprende Feole, le due parlamentari, il consigliere regionale Caputo, ma anche i candidati alle elezioni, i capigruppo dei comuni più importanti e alcuni sindaci. Feole, spalleggiato dalla Picierno e, sostanzialmente anche da Caputo, anche se la posizione del consigliere regionale è stata più sfumata propugnavano una tesi contraria. Altro scontro si è verificato quando si parlava nel modo in cui si è svolto l'ultimo tesseramento e soprattutto quando sempre la parte di Graziano, della Sgambato e della Esposito, si sono chieste spiegazioni sulla situazione finanziaria del partito in relazione ai soldi incassati sia per le tessere che per le primarie. Poi, l'intervento della Picierno, gran caciara, abbandono della riunione, e tutti a casa. G.G.