Cronaca Nera

ESCLUSIVA CASTEL VOLTURNO. Evase i domiciliari perchè temette di essere in pericolo di vita, ECCO LA DECISIONE del giudice per Mario "Tropical"

I fatti risalgono al mese di settembre scorso


CASTEL VOLTURNO - Mario Brancaccio detto "Tropical", gestore dell'omonimo bar ubicato sulla Domitiana in direzione Ischitella, lo scorso mese di settembre, nonostante la restrizione ai domiciliari per motivi di salute, venne beccato dai poliziotti del locale commissariato in una sala slot. In base alla versione resa dalla difesa l'uomo stava cercando aiuto perchè aveva avvertito un malore. Proprio per le sue condizioni di salute, il tribunale di Sorveglianza gli concesse i domiciliari. A quel punto gli agenti sospettarono un'evasione dalla misura cautelare dell'imprenditore. Oggi a distanza di qualche mese, il giudice Comella, del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, ha accolto le tesi dell'avvocato difensore Nando Letizia, concedendo l'assoluzione a Mario Brancaccio. In effetti la difesa avrebbe prodotto e depositato una serie di documenti che attesterebbero il fatto che Mario Tropical è un soggetto gravato da diverse patologie e quella sera temendo qualche complicazione per il suo stato di salute decise di chiedere aiuto. A questo punto il giudice ha stabilito che il caso era configurabile con quanto prevede l'art. 54 del codice penale. "Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé od altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, pericolo da lui non volontariamente causato, né altrimenti evitabile, sempre che il fatto sia proporzionato al pericolo". M.I.