Cronaca Bianca

S.MARIA C.V/ Ecco la somma che la Corte dei conti toglierà dalle tasche ai dirigenti del comune per i progetti incentivanti: più di 100 mila euro

Un altro capitolo della vicenda. Una vicenda imbarazzante al punto che quest'anno il segretario comunale ha abolito i progetti incentivanti tramutandoli in riposi compensativi. Pe


Un altro capitolo della vicenda. Una vicenda imbarazzante al punto che quest'anno il segretario comunale ha abolito i progetti incentivanti tramutandoli in riposi compensativi. Per il 2009 già formalizzate le notifiche, ma siamo in grado di stabilire in linea di massima anche le cifre da istituire da restituire per il 2010 e il 2011.   SANTA MARIA CAPUA VETERE - Le stangate della Corte dei conti sono come le ciliegie: a Santa Maria Capua Vetere una tira l'altra. E questa storia dei progetti incentivanti non lascia scampo a chi a suo tempo li ha messi in cantiere. Una vera patacca, un errore madornale. Soldi pubblici che non si sarebbero dovuti spendere al punto che quest'anno il segretario generale De Nisi ha gelato tutti quelli che avevano maturato soldi per i progetti incentivanti del 2012. Tutto bloccato. Niente soldi per nessuno e lavoro sui progetti incentivanti trasformato in riposo compensativo da consumare nell'anno 2013. Ma lo Stato italiano ora ha presentato il conto. Lo ha fatto con le notifiche relative ai progetti incentivante dei vigili urbani del 2009, attraverso cui dovrà recuperare 38 mila euro. Per il 2010 e il 2011, non si hanno ancora notizie ufficiali sulle notifiche. Ma se l'aritmetica e la legislazione che attraverso l'aritmetica stabilisce le norme relative al recupero di somme indebitamente spese dal comune di S.Maria Capua Vetere, per il 2010 arriverà un'altra stangata da 35 mila euro mentre per il 2011 con la riduzione del 5 % dovremmo attestarci sui 32 mila euro. Complessivamente per i tre anni, dunque, dovranno essere restituiti da quelli della delegazione trattante, più di 100 mila euro. Vi terremo informati. G.G.