Cronaca Bianca

CASTEL VOLTURNO / 4000 fans castellani e non solo tifano per la ballerina di Amici, Martina Monaco

La Lettera - Gentile Massimiliano Ive, sono Valerio Boccone, poichè mi è stato chiesto dalla mamma  della nuova stella della danza di Castel Volturno, Martina Monaco, la quale


La Lettera - Gentile Massimiliano Ive, sono Valerio Boccone, poichè mi è stato chiesto dalla mamma  della nuova stella della danza di Castel Volturno, Martina Monaco, la quale sta solcando il palcoscenico della trasmissione tv, Amici, diretta da Maria De Filippi, vorrei chiederti se può essere utile alla redazione Casertace pubblicare un articolo che, una volta tanto esalti una "espressione positiva" del territorio di Castel Volturno. Tra tante notizie di cronaca che contraddistinguono questo territorio, le quali fanno apparire tutto il contesto territoriale, come se fosse asservito alla camorra e come se fosse la casbah del male assoluto, c'è un piccolo arcobaleno, c'è una brillante promessa castellana, che sta tentando di affermarsi professionalmente sul palco della De Filippi. Mi stupisce che i giornali locali non hanno ancora dato notizia, o per lo meno affrontato l'argomento. Te la segnalo io. Valerio Boccone LA REPLICA DI CASERTACE - Di solito, il nostro mezzo di informazione, non concede molto spazio a notizie come quelle che ci ha segnalato l'ex assessore all'Ambiente di Castel Volturno, Valerio Boccone. Ma quando ci viene chiesto gentilmente, siamo disposti a pubblicare articoli che promuovano, chi realmente, riesce a raggiungere traguardi eccezionali nel mondo della cultura, della danza, dello sport, dell'arte e delle varie professioni, che qualifichino e esaltino indirettamente l'immagine di Terra di Lavoro, quindi del territorio di provenienza. Certamente come ha sottolineato Boccone, Martina è... un arcobaleno per un territorio martoriato come quello di Castel Volturno. Essendo, Casertace una testata dai grandi numeri, ma nei contenuti realizzata ancora artigianalmente da due giornalisti (Guarino e il sottoscritto) e da due collaboratori, non sempre abbiamo il tempo di pubblicare comunicati stampa e altro. Siamo un mezzo di informazione che sforna articoli di cronaca nera, di politica, di giudiziaria e numerose sono le nostre inchieste. Per Martina Monaco, però, facciamo una piccola eccezione. Chi è, quindi la giovane, Martina? Una sorprendente promessa della danza di Castel Volturno che è riuscita ad affermarsi con eccezionale bravura e particolari doti artistiche nella nota trasmissione televisiva di Amici. Su facebook, ogni giorno ci sono oltre 4000 persone che la seguono, la maggior parte sono di Castel Volturno (CLICCA QUI PER ACCEDERE ALLA PAGINA UFFICIALE FACEBOOK DI MARTINA) e (CLICCA QUI PER ACCEDERE AL SITO UFFICIALE DELLA BALLERINA MONACO). I genitori possiedono il noto negozio "Ottica l'Iride" e anche se la ballerina ha deciso di coltivare la sua professione allontanandosi dalla cittadina rivierasca, è molto conosciuta in loco. Dalla scheda artistica della silfide castellana, abbiamo appreso che ha iniziato a muovere i primi passi verso la danza classica a 7 anni e a 17 anni ha scoperto la passione per lo stile contemporaneo. Ora sognerebbe di ballare nella compagnia olandese NDT. (CLICCA QUI PER VEDERE LA SCHEDA SU MARTINA MONACO PUBBLICATA SUL SITO DI MARIA DE FILIPPI AMICI). Intanto, Castel Volturno e non solo fa il tifo per lei. Tutti si sentono orgogliosi di Martina. Quello che noi definiamo il "sogno castellano" di ribaltare l'immagine compromessa di un territorio ormai allo sbando, prende corpo, forza ed energia da piccoli esempi di "luce" che ogni tanto emergono dal contesto locale. Martina per poter divenire quello che è oggi, purtroppo non ha potuto usufruire di strutture pubbliche locali, vedi il caso del palazzetto dello sport ancora chiuso. Questa sera non vogliamo essere polemici... Ci fermiamo qui. Nel contempo come sosteneva San Francesco, e con questo chiudiamo il nostro inciso, se si vuole raggiungere un obiettivo positivo per il territorio e progettare un altro destino per la città, occorre che ogni castellano divenga esempio per gli altri, lavorando, sudando, sacrificandosi, abbandonando quell'atavica cultura del compromesso per ottenere un facile guadagno a discapito della formazione culturale personale, o per conquistare una posizione sociale irraggiungibile a dispetto e in danno degli altri. Massimiliano Ive