Cronaca Bianca

S. MARIA CV/ Di Muro come Augusto, Angiello come Mecenate. Forza ingegnere faccia gratis anche i saggi geologici del Puc

Abbiamo letto con sensi di enorme ammirazione un recente comunicato dell’amministrazione comunale sulla disponibilità dello storico amico di Luigi Di Muro, fratello del sindaco,


Abbiamo letto con sensi di enorme ammirazione un recente comunicato dell’amministrazione comunale sulla disponibilità dello storico amico di Luigi Di Muro, fratello del sindaco, a mettere a posto le travi dell’Anfiteatro Santa Maria Capua Vetere – Non c’è che dire, la coppia assomiglia in tutto e per tutto a quella dell’antichità: il sindaco Di Muro è l’imperatore Augusto, Pietro Angiello è Gaio Clinio Mecenate, il munifico finanziatore delle arti e delle attività culturali. Nei giorni scorsi, fuor di marchetta, abbiamo letto con senso di autentica ammirazione il comunicato stampa del comune con cui l’amministrazione dava notizia che l’ingegnere Angiello, a sue spese, avrebbe messo mano al problema delle travi dell’Anfiteatro. Niente di particolare, per carità, anche perché quelle travi che arrivano dall’utilizzo e dal riciclo di materiale ferroviario, andrebbero analizzate in laboratorio per  vedere cosa c’è dentro. Ma siccome non bisogna fare gli incontentabili, applausi a Pietro Angiello e al suo amico di sempre Luigi Di Muro che avrà stimolato questa improvvisa vena munifica. A questo punto, dato che ci siamo, suvvia, Angiello, un’altra botta di generosità: i saggi geologici del nuovo Puc che saranno realizzati da tecnici della sua orbita, li faccia gratis. Regali anche quelli alla città. Così magari quando muore le fanno un monumento al centro dell’Anfiteatro. g.g.