Politica

Zinzi junior ospite della Confcommercio: "Vanno tutelati i piccoli negozianti"

Si è discusso anche di pressione fiscale e di spesa pubblica CASERTA - “I piccoli e medi esercizi commerciali vanno tutelati, in quanto sono parte integrante della vita economi


Si è discusso anche di pressione fiscale e di spesa pubblica

CASERTA - “I piccoli e medi esercizi commerciali vanno tutelati, in quanto sono parte integrante della vita economica e sociale del nostro territorio”. A dichiararlo è stato il commissario regionale dell’Udc e candidato alla Camera dei Deputati nella circoscrizione Campania 2, Gianpiero Zinzi, che stamani si è recato in visita presso la sede provinciale dell’Ascom-Confcommercio, dove ha incontrato il presidente dell’associazione, Mario D’Anna, e i componenti della Giunta.

“Va posto un argine – ha detto Zinzi - al proliferare di centri commerciali, la cui attività ha inevitabilmente influito su quella dei commercianti del centro storico di Caserta e delle altre città della provincia”.

Molti altri i temi toccati da Zinzi nel corso dell’incontro con i commercianti. Uno dei principali quello relativo alla necessità di ridurre la pressione fiscale: “E’ fuori discussione – ha proseguito il candidato Udc alla Camera – che tra le priorità ci debba essere un abbassamento delle tasse. Tuttavia, non è possibile che si continuino a raccontare favole, promettendo una riduzione del prelievo fiscale senza indicare in che modo effettuarla. A mio giudizio bisogna eliminare gli sprechi ed abbattere la spesa pubblica, con una seria sburocratizzazione della pubblica amministrazione. Proprio in questa direzione va la mia proposta che intende mettere in rete i sistemi informatici della Pubblica Amministrazione, eliminando il cartaceo nella comunicazione tra enti. Passando dal “timbro al clic” si risparmierebbero ben 5 miliardi di euro”.

Infine, Zinzi ha spiegato come sia prioritario “puntare con decisione sul rilancio del turismo e della cultura, due capisaldi fondamentali per ogni ricetta di sviluppo per il nostro territorio”. Il candidato Udc alla Camera dei Deputati ha riproposto la sua idea di coinvolgere i privati nella gestione dei beni culturali, prendendo ad esempio la Reggia di Caserta, uno dei principali tesori di cui dispone Terra di Lavoro.

“I privati – ha aggiunto Zinzi – dovrebbero occuparsi della valorizzazione e della promozione dei beni culturali, la cui conservazione dovrebbe rimanere in capo alla Soprintendenza. Solo in questo modo lo straordinario patrimonio artistico e culturale di cui disponiamo potrebbe diventare una reale fonte di sviluppo e di crescita economica per l’intero territorio”.

Intanto, domani, giovedì 21 febbraio alle ore 20, è prevista, presso il teatro Comunale di Caserta, una manifestazione alla presenza del leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini, che chiuderà la campagna elettorale assieme al commissario regionale del partito e candidato alla Camera dei Deputati nella circoscrizione Campania 2, Gianpiero Zinzi.