Cronaca Nera

Agg. 15.46 I VIDEO - Dopo aver bruciato viva l'amica della sua ex, è ritornato sul luogo del misfatto, lì sono scattate le manette

Prima ha cosparso di benzina la casa, poi ha aggredito la ragazza 24enne, prima ricoverata ad Aversa,  ora è trasferita in fin di vita nel centro grandi ustioni di Roma. Lui ha


Prima ha cosparso di benzina la casa, poi ha aggredito la ragazza 24enne, prima ricoverata ad Aversa,  ora è trasferita in fin di vita nel centro grandi ustioni di Roma. Lui ha precedenti per spaccio e carte di credito clonate, si è presentato ai proprietari delle case che ha in affitto affermando di essere un giornalista  Agg. 10,44 - Dopo aver dato fuoco alla coinquilina dell'ex fidanzata si e' reso irreperibile per alcune ore ma poi e' tornato sul luogo del misfatto dove ad aspettarlo ha trovato i carabinieri. Cosi' e' stato catturato Abunsango Michael Olusegun, pregiudicato nigeriano di 43 anni, protagonista ieri a Casal di Principe di una violenta aggressione a casa dell'ex compagna che non voleva piu' vederlo. La sua fuga è durata circa 12 ore. Prima di recarsi di persona sul luogo del misfatto, ha mandato in avanscoperta un amico. L'uomo ha ridotto in fin di vita l'amica della donna, una nigeriana che ha riportato ustioni sull'85% del corpo, tanto che dall'ospedale di Aversa (Caserta) dove era stata in un primo momento condotta, i medici hanno deciso di trasferirla presso un centro grandi ustioni di Roma. Ha riportato ferite al braccio anche un uomo presente nell'abitazione. Secondo gli accertamenti compiuti dai carabinieri di Casal di Principe guidati dal comandante Michele Centola, il 43enne avrebbe un tenore di vita molto alto, con ben due case in affitto a Casale e Castel Volturno; ai proprietari di casa si sarebbe presentato come giornalista; ha comunque precedenti per spaccio di droga e carte di credito clonate. Agg. 9.45 - I Carabinieri della Compagnia di Casal di Principe hanno Abunsango Michael Olusegun  un cittadino nigeriano responsabile di “tentato omicidio, incendio e danneggiamento aggravati”, ai danni di una cittadina connazionale, che ha riportato ustioni sulla maggior parte del corpo e versa in pericolo di vita.

Nella giornata di ieri l’uomo, 43enne pluripregiudicato, si è recato presso l’abitazione della sua ex fidanzata, in prossimità della circumvallazione di Casal di Principe, e dopo le resistenze della donna a incontrarlo ha scatenato la sua ira, non solo contro l’abitazione, cospargendo taniche di liquido infiammabile, ma anche contro un’amica della fidanzata, inzuppata di benzina e data alle fiamme.

La vittima, nigeriana appena 24enne, avvolta nelle fiamme, è stata soccorsa dai sanitari del 118 e trasportata con urgenza presso l’ospedale di Aversa, mentre l’autore della brutale aggressione si è dato alla fuga, rendendosi irreperibile e abbandonando un’altra abitazione in cui risiedeva nello stesso centro.

I carabinieri, dopo aver raccolto le testimonianze della fidanzata dell’aggressore e di un altro uomo che ha assistito alla scena, si sono messi sulle sue tracce, riuscendo a bloccarlo nella stessa Casal di Principe dopo un breve inseguimento in auto.

La donna aggredita, che ha riportato ustioni gravi sull’85% del corpo, è stata trasferita con urgenza presso un centro grandi ustioni della capitale ed è ancora in pericolo di vita.

L’arrestato è stato tradotto presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere.

  CASAL DI PRINCIPE - Un 43enne pluripregiudicato di origini nigeriane si e' recato presso l'abitazione della sua ex fidanzata in Casal di Principe e dopo le resistenze della donna a incontrarlo ha scatenato la sua ira cospargendo l'abitazione con liquido infiammabile contenuto in taniche e contro un'amica della fidanzata, inzuppata di benzina e data alle fiamme. La vittima, nigeriana appena 24enne, avvolta in un rogo, e' stata soccorsa dai sanitari del 118 e trasportata con urgenza presso l'ospedale di Aversa mentre l'uomo si e' dato alla fuga. I Carabinieri si sono messi subito sulle sue tracce riuscendo a bloccarlo nella stessa Casal di Principe dopo dodici ore di ricerche ed arrestandolo per "tentato omicidio, incendio e danneggiamento aggravati". La donna ha riportato ustioni sulla maggior parte del corpo ed e' in pericolo di vita.