Politica

La Picierno, ovvero "l'avevo detto io che Gerry Casella"....martedì parla con la Capacchione

La deputata di Teano è stata al fianco di quella parte del partito che, in passato, avversava la leadership dell'avvocato -assessore, finito in carcere per camorra. Martedì sar


La deputata di Teano è stata al fianco di quella parte del partito che, in passato, avversava la leadership dell'avvocato -assessore, finito in carcere per camorra. Martedì sarà presente anche Rosaria Capacchione.

CASAGIOVE - Pina Picierno ci tiene particolarmente a sottolineare il dato. Lei, in passato, ha appoggiato le posizioni, al tempo minoritarie, di chi, nel Pd di Casagiove, si poneva in contrasto con la posizione dei sostenitori dell’avvocato Gerry Casella, finito in carcere per la nota vicenda di camorra e che per qualche anno è stato il leader del partito a Casagiove.

Dunque, non deve stupire se martedì prossimo la Picierno ha coinvolto anche Rosaria Capacchione nell’evento organizzato dalla sezione casagiovese e che vedrà protagoniste le due candidate del Partito Democratico alle prossime elezioni politiche.

QUI SOTTO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO STAMPA DEL PD DI CASAGIOVE

Il PD Casagiovese ha voluto dar risalto alla campagna elettorale, già avviata, con una iniziativa emblematica per la nostra città, che ancora si interroga sulle ragioni degli avvenimenti tristi e drammatici che hanno registrato fatti giudiziari di evidente gravità.

La presenza di Pina Picierno, parlamentare, ricandidata dopo le primarie per la Camera dei Deputati, da sempre impegnata sui temi della legalità e dei diritti, è il riconoscimento per la sua battaglia condotta al fianco del Circolo Casagiovese, quando da parte di tanti, fuori dal partito, ma anche dal suo interno, ci si ostinava a negare l’evidente inopportunità di continuare a sostenere l’insostenibile.

Un onore è, altresì, considerato  dai Democratici e dalla città intiera, la partecipazione di Rosaria Capacchione, giornalista autrice di inchieste che hanno grandemente contribuito a far chiarezza sul viluppo di intrecci e di interessi tra camorra e potere e sulle ricadute drammatiche dei traffici di rifiuti tossici sulla salute delle nostre popolazioni e sulle opportunità di sviluppo.

Rosaria Capacchione è un esempio di coerenza e di coraggio e la sua candidatura al vertice della lista del PD per il Senato in Campania è, qui, letta come un riferimento che dà forza per continuare a combattere la battaglia tesa a rompere ogni possibilità di commistione tra politica e camorre, per debellare la corruzione, per recuperare un diffuso e sentito senso della legalità, per aiutare il riscatto degli onesti.

L’iniziativa, in una città che si sta battendo contro la chiusura di una scuola materna comunale, scelta che il PD considera sciagurata,  ha per oggetto il NO netto alle camorre e alla corruzione che coniuga con un altrettanto netto SI alla creazione di lavoro, alla riconsegna del futuro ai giovani, ai diritti e alla dignità delle donne, alla solidarietà che unisce e costruisce, ad una politica che sia ed appaia più giusta per coloro che son più deboli.