Politica

Ora a Caserta comandano Paolo Marzo e i Caprio del Global Service. E non è uno scherzo, ecco perchè

L'intervento senza freni inibitori, fatto da Pasquale Corvino, ieri, in Consiglio comunale, contiene molte verità, fondate su dati di fatto. Con l'Udc recalcitrante, il peso spec


L'intervento senza freni inibitori, fatto da Pasquale Corvino, ieri, in Consiglio comunale, contiene molte verità, fondate su dati di fatto. Con l'Udc recalcitrante, il peso specifico dei tre consiglieri controllati da Marzo e dal Global Service, fresco di rinnovo per quattro anni di un affidamento miliardario, diventa decisivo. IN CALCE ALL'ARTICOLO IL COMUNICATO STAMPA DEL SINDACO SUGLI ESITI DELLA CENA DELL'ALTRA CENA AL RISTORANTE LEUCIO   CASERTA - Pasquale Corvino, a dispetto dell'età non certo vetusta, è dotato di esperienza sufficiente per focalizzare bene i momenti della politica casertana. Il suo intervento fatto ieri, mercoledì, in Consiglio comunale, ha avuto il pregio di non essere compensato da freni inibitori o da prudenze manovriere che, ormai non fanno più parte del tessuto che connette i pensieri di questo politico alle sue azioni. Pasquale Corvino ha detto che a Caserta comandano Paolo Marzo e i mitici Caprio della Global Service, di nobile casato casalese, badate bene, con la c minuscola e d'altronde il nostro riferimento non è accompagnato da malizia, dato che anche Pasquale Corvino affonda, anche lui, fieramente le sue origini nelle contrade dell'antica Albanova. Corvino è partito da un dato. E questo ha reso il suo discorso più efficace. Da un'operazione, perfezionata nei mesi scorsi e che, è passata quasi sotto silenzio: il rinnovo, ipso facto, per 4 anni del miliardario incarico che il Global Service del verde, targato Caprio, esercita da anni nella città capoluogo. Una determina e via. Una firmetta ormai, anche in questo caso, senza più freni inibitori del dirigente Maurizio Mazzotti, che sta scrivendo, ultimamente, il gran finale della sua luminosissima carriera, prima di andare in pensione. E lo sta scrivendo esasperando i metodi di cui ha dato sfoggio sin dai tempi del suo esercizio professionale nel Comune di Santa Maria Capua Vetere, e di cui il Pm Guarriello, nella scorsa estate ha fornito una straordinaria summa. Quel rinnovo, come ha fondatamente affermato ieri Pasquale Corvino, ha reso il Global Service del verde l'interlocutore imprenditoriale principale di questa amministrazione. Ancor di più di quello che è un Alessandro Landolfi, in relazione al sindaco Del Gaudio; ancor di più di quello che è un Russo in relazione al super assessore Giuseppe Greco. La relazione rafforzata tra l'amministrazione comunale e l'ottimo Caprio ha consentito a quest'ultimo di costruire un vero e proprio partito politico, che non esiste in una forma statuita, ma esiste di fatto, nel momento in cui, prima Massimiliano Palmiero, successivamente Tonino Maiello, si sono associati a questo gruppo. Un gruppo che è diventato una famiglia ed è utile per la famiglia. Sicuramente per la famiglia di Tonino Maiello, che in questi mesi ha raccolto la meritata soddisfazione di vedere il suo figliolo assunto, guarda caso proprio da quelli del Global Service del verde. Gli ultimi avvenimenti politici, il grande rafforzamento del gruppo consiliare dell'Udc, arrivato a 7 unità e che rappresenta una spada di damocle sulla testa di questa amministrazione comunale, ha finito per rafforzare ancora di più l'asse Paolo Marzo-Global Service. Non a caso il buon Paolone ha sentenziato, solenne, nei giorni scorsi: ora comandiamo ancora di più. Ed ha ragione a dirlo, dato che lo spazio di prodotto marginale di questa maggioranza, quello che si aggira attorno al discrimine dall'essere ancora maggioranza o non esserlo più, in caso di cambiamento di fronte dell'Udc, è proprio occupato dagli uomini di Paolo Marzo. Senza quei 3 voti in Consiglio comunale, Pio Del Gaudio va a casa. Ergo: l'analisi di Pasquale Corvino è chirurgicamente perfetta. Il vero potere forte di questa città, l'autentico ago della bilancia è costituito da Paolo Marzo. Se ai casertani va bene così, siamo tutti contenti. In conclusione, vi pubblichiamo in calce a questo articolo, se proprio chi ci legge stamattina non ha un cavolo da fare, il comunicato stampa del sindaco Del Gaudio, che parla delle conclusioni della cena svoltasi l'altra sera nel ristorante Lucio, con gli assessori e i consiglieri comunali di Pdl, Caserta Più e con gli uomini cruciali di Paolo Paolone. Gianluigi Guarino QUI SOTTO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO STAMPA DEL SINDACO DEL GAUDIO Il sindaco Pio Del Gaudio, dopo un vertice nella sede del Pdl, ravvisata la necessità di condividere con tutti i rappresentanti politici all'interno dell'Amministrazione che hanno il loro riferimento nel partito guidato da Silvio Berlusconi la necessità di una partecipazione impegnata nella campagna elettorale del Pdl, ha riunito i consiglieri comunali dei gruppi consiliari Pdl, Caserta Più, Mpa, Nuovo Psi e il consigliere indipendente Saverio Russo, nonché gli assessori di riferimento nella coalizione di centrodestra al Comune di Caserta. Nell'occasione, i presenti hanno rinnovato stima e fiducia personale e politica al sindaco Pio Del Gaudio e ribadito ancora una volta l’impegno a continuare nella prosecuzione dell’attività amministrativa sulla base del mandato elettorale conferito dai cittadini casertani nel maggio 2011. Consiglieri e assessori hanno poi sottolineato come tale attività abbia come presupposto il rispetto del programma elettorale della coalizione e non debba in alcun modo essere influenzata o rallentata da eventuali mutamenti del quadro politico a livello nazionale e locale, fatto che non sarebbe assolutamente compreso da parte della cittadinanza. La congiuntura economica nazionale e locale e la situazione del dissesto finanziario del Comune - è indicato nel documento sottoscritto - impongono all’Amministrazione tutta grande senso di responsabilità e estrema determinazione, oltre che rigore amministrativo, e non consentono in alcun modo di derogare dal mandato conferito in modo chiaro dagli elettori. Il sindaco Pio Del Gaudio ha ringraziato tutti degli apprezzamenti ricevuti e dell'impegno che sarà espresso nella campagna elettorale a favore del Pdl e dei candidati del territorio che si apprestano a rappresentare le istanze della città in Parlamento.