Politica

ESCLUSIVA / Ecco perchè Gianpiero Zinzi non può essere sicuro al 100% della sua elezione

IN CALCE ALL'ARTICOLO I PANNELLI DI SIMULAZIONE - I dati sono attinti da un autorevolissimo istituto di ricerca internazionale che ha, in questi, partendo dalla media di tutti i s


IN CALCE ALL'ARTICOLO I PANNELLI DI SIMULAZIONE - I dati sono attinti da un autorevolissimo istituto di ricerca internazionale che ha, in questi, partendo dalla media di tutti i sondaggi più autorevoli, effettuato una simulazione sui nomi certi, quelli incerti e quelli poco probabili. CASERTA - I maggiori partiti in lizza alle prossime elezioni politiche compiono un lavorio intensissimo su simulazioni, non solo relative ai dati e alle percentuali nazionali e circoscrizionali, ma affidano le medie di tutti i sondaggi ad aziende specializzatissime, che lavorano su scala internazionale. Una di queste simulazioni è finita nelle nostre mani. Circoscrizione per circoscrizione, partendo da quelle del Piemonte, fino all'ultima siciliana. Dati interessantissimi, soprattutto nella valutazione di quelli che saranno i parlamentari sicuri. Tra questi non c'è Gianpiero Zinzi, il quale gode di ottime possibilità di elezione, ma non di certezze. Questo perchè nelle ultime 3 settimane, l'Udc, vampirizzato a livello nazionale da Scelta Civica di Mario Monti, ha abbassato le sue percentuali fino a toccare un più che allarmante 3,7%. Ciò non mette in pericolo i due seggi previsti nella circoscrizione di Campania 2, che l'autorevole istituto di ricerca in sostanza assegna. Certissimo il primo seggio contrassegnato con il blu elettrico, che nella legenda dell'amplissimo studio di cui siamo in possesso, contrassegna i deputati certi al 101%; probabilissimo il secondo seggio, circondato dal colore azzurro, più tenue. La questione aperta, collegata al calo nei sondaggi dell'Udc riguarda le circoscrizioni di Piemonte 2 e Veneto 1 dove, parimenti a Campania 2 è candidato il ministro per le risorse agricole Catania, naturalemente con il rango di capolista. Più che ai malumori dell'Udc Veneto, che vorrebbe in caso di attribuzione del seggio fare entrare in Parlamento il numero 2 della lista, il consigliere regionale, Stefano Valdegamberi, è proprio l'incertezza sull'attribuzione del seggio in Piemonte 2 e Veneto 1, a rendere un pelo più incerte le prospettive di Gianpiero Zinzi. Tra le altre cose, il seggio per l'Udc, affinchè l'approdo in Parlamento di Zinzi avvenga de plano, deve scattare nella circoscrizione di Veneto 1, dato che, se scattasse solo in Piemonte 2, ci sarebbe il problema, affinchè Zinzi entrasse, di lasciare fuori Giuseppe Delfino, figlio dello storico esponente casiniano piemontese Teresio Delfino, già dirigente nazionale dei vari partiti del signor Caltagirone e comunque esponente di spicco, almeno quanto lo è Zinzi. Ora, è anche vero che una prova di forza dell'Udc nella circoscrizione di Campania 2 e nella provincia di Caserta in particolare, potrebbe mettere Casini di fronte al fatto compiuto, nel senso che se in Piemonte, il partito prende il 3% e qui prende il 10%, sarà un pò difficile fare entrare Delfino ed escludere Zinzi. Ma con uno come Casini è meglio andarci cauti, dato che in passato ne abbiamo viste di tutti i colori quando si è trattato di stabilire le opzioni. Ricapitolando: probabile, ma non più certissimo che in Veneto 1 e in Piemonte 2 l'Udc elegga il suo deputato. Se le due circoscrizioni del Nord Ovest e del Nord Est facessero cilecca, il ministro Catania sarebbe eletto a Campania 2 e in Parlamento lo seguirebbe Giuseppe De Mita. Se scattasse solo nella circoscrizione di Piemonte 2, la situazione sarebbe complicata dal fatto che secondo di quella lista c'è al secondo posto, subito dietro Catania, il figlio di Teresio Delfino. Insomma, l'ideale per Zinzi è che l'Udc conquisti un seggio sia in Piemonte 2, che in Veneto 1, perchè in quest'ultimo caso, rimarrebbero, probabilmente inascoltate le proteste del segretario regionale veneto dell'Udc, che da settimane dice, che il ministro Catania non deve scegliere la Regione della Serenissima come sua circoscrizione di rappresentanza. G.G.