Cronaca Bianca

S.MARIA C.V. / Tabelloni elettorali, spesi 12 mila euro con i vecchi fatti marcire all'aperto nell'ex macello

D'altronde, quando i soldi sono di proprietà pubblica e non privata, chissenefrega, si può spendere e spandere. Santa Maria Capua Vetere - Quando si dice lo spreco. Ieri, mer


D'altronde, quando i soldi sono di proprietà pubblica e non privata, chissenefrega, si può spendere e spandere. Santa Maria Capua Vetere - Quando si dice lo spreco. Ieri, mercoledì 23 gennaio, l'amministrazione comunale di Santa Maria Capua Vetere ha acquistato, con la determina numero 12 a firma del segretario, super dirigente, tutto lui, Assunto De Nisi 300 tabelloni per le affissioni elettorali che saranno utilizzate per la campagna elettorale delle elezioni poltiiche del 24 e 25 febbraio prossimi. Acquistati perché  così è scritto testualmente nella determina, " l'ufficio tecnico ha riscontrato che la maggior parte dei tabelloni elettorali non sono più utilizzabili". Roba comprata 30 anni fa? Niente affatto. Roba inutilizzabile solo perché è stata buttata letteralmente nell'area aperta dell'ex macello e lì senza che nessuno si ponesse il problema di mettere al riparo quel materiale, si sono deteriorate fino a diventare inutilizzabili. Questo a dimostrazione di quanto stia a cuore all'amministrazione comunale di S.M. Capua Vetere, la res publica, cioè i beni di proprietà di tutti i cittadini. Per la cronaca l'acquisto dei nuovi tabelloni costerà alle tasche dei sammaritani 11 mila 979  euro, che sono parenti a 12 mila euro. Soldi che finiranno nelle tasche dell'impresa Savino Palma. G.G.