Cronaca Nera

LO SCANDALO DELLA REGIONE / Ecco chi sono gli Aprile, quelle delle fatture a Caputo. Da Frignano a Carinaro con i soliti 6x3 nella tesca e nella tasca

Ieri, ci siamo soffermati su colui che ha emesso le fatture per Polverino, oggi, ci occupiamo dell'altra faccia dell'inchiesta. Intanto, stamattina, Caputo è in Procura per le su


Ieri, ci siamo soffermati su colui che ha emesso le fatture per Polverino, oggi, ci occupiamo dell'altra faccia dell'inchiesta. Intanto, stamattina, Caputo è in Procura per le sue dichiarazioni e oggi pomeriggio sarà al cospetto della commissione di garanzia del Pd CASERTA - Ieri, abbiamo delineato il quadro identitario di coloro che hanno fornito, più che servizi, fatture in grande quantità ad Angelo Polverino, naturalmente in quella che è l'ipotesi accusatoria che balena con chiarezza, dall'informazione di garanzia e dal decreto di perquisizione, in carico al consigliere regionale del Pdl. Oggi, naturalmente, il lavoro va completato dando qualche informazione aggiuntiva su Giuseppe Aprile, l'uomo delle fatture emesse a favore di Nicola Caputo, il quale, proprio stamattina, mercoledì, è entrato negli uffici della Procura della Repubblica di Napoli, dove sarà ascoltato dai magistrati inquirenti, prima di trasferirsi a Roma, dove, alle 16, comparirà al cospetto di Luigi Berlinguer e della commissione di garanzia del Pd, incaricata di fornire un parere al comitato elettorale del partito sulla decisione che quest'ultimo organo dovrà assumere sulla candidatura di Caputo alla Camera dei Deputati. Giuseppe Aprile, ma non solo: questi ha infatti, altri 2 fratelli, entrambi imprenditori  ed entrambi in stretta connessione socetaria con lui. I tre operano, infatti, proprio nella zona in cui risiedono Nicola Caputo e la sua famiglia, anch'essa di formata da conosciuti imprenditori. Intanto diciamo che i fratelli Aprile sono di Frignano, che tutti insieme hanno iniziato anni fa la loro attività imprenditoriale nel settore del commercio all'ingrosso di abbigliamento. Attualmente sono titolari dell azienda Blu Ink srl con sede nella zona industriale di Carinaro, dunque ad un passo da Teverola, all'interno dell'area di quel Consorzio di cui è rimasto solo il nome, Impreco, che riassume appunto, quello che bisognerebbe fare, cioè imprecare incessantemente, di fronte ai tanti inquacchi consumatisi in questo territorio tra politica, sedicenti imprenditori, poteri forti e poteri inconfessabili. L'azienda Blu Ink Srl si occupa di tipografia, stampa e grafica pubblicitaria, nonchè della gestione dei cartelloni pubblicitari. Naturalmente! Anche in questo caso 6x3. Un settore munifico, denso di zone d'ombra in provincia di Caserta. Spesso e volentieri, e non ci riferiamo a questo caso, non lontano da condizionamenti della criminalità organizzata. Aprile, dunque, come De Martino, come l'imprenditore che ha fatto le fatture a Polverino. Anche lui con un solido, quanto opaco (visto che è stato arrestato con pesanti accuse l'aprile scorso) core business nel settore 6x3. Lui De Martino soprattutto nella città di Caserta. G.G.