Politica

PD, sondaggi in calo a Caserta. E con la Capacchione candidata, solo Caputo Esposito e Picierno sono tranquilli

Stamattina, in largo del Nazzareno, sono stati esaminati a lungo le ultime stime e si è arrivati alla conclusione che la quota di eletti certi, al momento, con questi numeri, sar


Stamattina, in largo del Nazzareno, sono stati esaminati a lungo le ultime stime e si è arrivati alla conclusione che la quota di eletti certi, al momento, con questi numeri, sarebbe di 10. La giornalista è una casertana doc e dunque la quota dei reduci dalle primarie farsa che entreranno di sicuro in Parlamento scende a 3. L'ufficializzazione della candidatura di Rosaria Capacchione, servirà probabilmente al PD per recuperare qualche voto nella circoscrizione di Campania 2 in provincia di Caserta in particolare. Una necessità ancor più avvertita da quando stamattina, giovedì, in largo del Nazzareno hanno letto con attenzione gli ultimissimi sondaggi che segnalano un PD in significativa flessione nella circoscrizione ma, sopratutto, in provincia di Caserta. E vorremmo pure vedere, dopo questo popo' di elezioni primarie dense, nella nostra provincia, di imbrogli e di vergognose manipolazioni del processo democratico. Per di più storpiate dalla mancata contabilizzazione del voto di Sant'Arpino che rende il risultato finale ancor più fasullo di quello definito dalla somma dei consensi, molti dei quali farlocchi. A riguardo, visti i tempi strettissimi, collegati al fatto che il prossimo 8 gennaio, la direzione nazionale dopo che la direzione regionale si sarà riunità il 5, ufficializzerà le liste, pare che si vada verso un rigetto in massa di tutti i ricorsi e vergognosamente anche di quello su Sant'Arpino, per il quale c'è un partito provinciale reo confesso che in una nota di ieri sera, ha detto ufficialmente che quel voto è nullo a tutti gli effetti. Secondo questi sondaggi dunque scenderebbero da 11 a 10 gli eletti PD-doc nella circoscrzione e la vittoria al senato sarebbe incerta, con conseguente possibile riduzione del numero di eletti, dagli 11- 12 targati PD, previsti in caso di affermazione della coalizione di centrosinistra agli 8 che il partito di Bersani eleggerebbe , n caso di affermazione del centro destra. Conclusione: con la casertana-doc Rosaria Capacchione candidata forse addirittura capolista, e con questi sondaggi non esaltanti, scenderebbero da 4 a 3 gli eletti certi pescati dalla graduatoria delle primarie. Insomma, solo Nicola Caputo, Lucia Esposito e Pina Picierno potrebbero dormire sogni abbastanza tranquilli. Gianluigi Guarino