Cronaca Nera

IL VIDEO SCANDALO / La giustificazione: 'Colpa del Bar Botticelli, se mettono tutto insieme'

E sarebbe ancor peggio della pratica di buttare umido, indifferenziato, multimateriale e carta nello stesso cassone. Grave che questa amministrazione non abbia un assessore all'Am


E sarebbe ancor peggio della pratica di buttare umido, indifferenziato, multimateriale e carta nello stesso cassone. Grave che questa amministrazione non abbia un assessore all'Ambiente. Ormai Enzo Ferraro comanda tutto. In calce all'articolo il video 'incriminato' a via Botticelli. Caserta - E' bastato pubblicare il video dello sversamento “omnibus” dei cassonetti di Via Botticelli, riversati indistintamente, all'interno di un unico camion, per comprendere, anzi, per ricordarsi, che la questione rifiuti nella cttà capoluogo è un vero e proprio vaso di Pandora. La giustificazione, espressa da Caserta Ambiente e accettata supinamente dall'amministrazione comunale è che quell'operatore ecologico, avendo valutato, personalmente, che in ognuno dei cassonetti, destinati ad accogliere una frazione diversa di rifiuto, ci fosse solo materiale indifferenziato, ha ritenuto di riversarlo nel contenitore del camion come se si trattasse di un unico, mastodontico, cassonetto di rifiuto indifferenziato. Se questa è una balla, una giustificazione purchessia per giustificare questo gravissimo fatto, documentato dalle immagini video, sarebbe certamente meglio di come sarebbe se si trattasse di una verità. Perché se si trattasse di una verità, significherebbe che al Bar Botticelli viene consentito di sversare indistintamente tutto la sua frazione indifferenziata, evidentemente enorme in quanto non perfettamente differenziata, colmando tutti i cassonetti disponibili. Una irregolarità molto seria che andrebbe sanzionata e che, al contrario, se questa giustificazione è vera, sanzionata non è, anzi è avallata e appoggiata da Caserta Ambiente che, fino a prova cotnraria, è rappresentata nell'azione specifica dal suo lavoratore. Oggi, giovedì, la città di Caserta è significativamente sporca. In alcuni luoghi i rifiuti sono stati prelevati, in molti altri, tipo Via Bernini, non sono stati prelevati. Ci giungono segnalazioni dalla città che parlano di evidenti carenze nella fase della raccolta. Mo', dico io, ma invece di creare tante deleghe inutili, invece di costituire l'assessorato al cerimoniale alla bandiera d'Italia, alle frazioni non era più importante assegnare la delega all'Ambiente che è assolutamente cruciale e a cui il sindaco, con tutti i problemi che deve affrotnare ogni gorno, non può essere dedito nella maniera più efficacia e necessaria. Di fronte a queste cose, poi, non potete dire che si tratta di malevolenze, quando si afferma che oggi Enzo ferraro è il vero sindaco della città, dato che, oltre a essere formalmente il vice di Del Gaudio è assessore al Personale, alla Mobilità cittadina, ai Vigili urbani ed è assessore ombra, ma assolutamente regnante, ai Servizi sociali in cui ha piazzato il suo antico compare Pino Gambardella a sovraintendere l'ambito che gestisce i finanziamenti 328, e all'Ambiente, dove impera senza aver nessun ritegno nei confronti di un conflitto di interesse evidente, dato che, Ferraro, è un dirigente super stipendiato, roba da centoventimila euro all'anno, proprio di Caserta Ambiente. Scusate, ma queste sono illazioni? Gianluigi Guarino http://www.youtube.com/watch?v=RS9qwHL3hh8