Cronaca Nera

AVERSA / Pendolari sempre nei guai per prendere il treno per Roma. Tante parole, pochi fatti!

Esce di nuovo allo scoperto l'associazione Vittime della Strada: "Nonostante le promesse nulla è cambiato" AVERSA. L'associazione Vittime della Strada prende ancora una vo


Esce di nuovo allo scoperto l'associazione Vittime della Strada: "Nonostante le promesse nulla è cambiato" AVERSA. L'associazione Vittime della Strada prende ancora una volta posizione sulla vicenda della cancellazione di alcuni treni sulla tratta Napoli Roma, che ha creato molti disagi ai pendolari della città normanna. In una nota stampa, la suddetta associazione palesa che il problema non è stato ancora risolto e soluzioni nel breve periodo non se ne intravedono: "Anno nuovo problema vecchio e, almeno per il momento, in apparenza insolubile. Abbiamo avuto la rassicurazione che giungeranno in tempi brevi le risorse per consentire il ripristino di diversi convogli ferroviari sulla tratta Napoli-Roma via Aversa Queste erano le parole pronunciate l'8 di dicembre dal primo cittadino, Sagliocco, dopo un incontro tenutosi in Regione con il presidente del consiglio regionale campano, Paolo Romano, che aveva garantito l'impegno personale per trovare soluzioni al problema di migliaia di pendolari residenti ad Aversa e nell'agro". Ad oggi, 2 gennaio, l'associazione Vittime della Strada ha constatato che il problema persiste e ricorda ancora: " Per ottenere maggiori garanzie il primo cittadino subito dopo l'incontro con Romano ne preannunziava un altro da tenere, di lì a qualche giorno, sempre in Regione, con il responsabile di Rfi della Regione Campania, Capotosti, per definire le linee da seguire relativamente ai convogli ferroviari interregionali che sono i più utilizzati dai pendolari. All'incontro avrebbero dovuto prendere parte anche il senatore Giuliano, il presidente Romano e la portavoce dei pendolari Augusta Fabozzi. Subito dopo il sindaco Sagliocco avrebbe incontrato, questa volta nella sede romana dell'ente, Marzo Zanichelli, responsabile nazionale di Trenitalia per la programmazione degli Intercity e dei convogli veloci, per verificare i miglioramenti da apportare anche in questo segmento dei trasporti". A questo punto ci si chiede quali risvolti ha avuto la vicenda e quali soluzioni si preannunciano per la cittadina normanna. "Il risultato? L'ennesima delusione". L'incontro in Regione è saltato, rinviato a data da destinarsi, e l'incontro romano non ha ottenuto esiti positivi, tanto che con l'orario invernale le cose sono peggiorate e i pendolari continuano a viaggiare come bestie pur pagando in anticipo dai 110 ai 180 euro per un abbonamento mensile che dovrebbe garantire loro un servizio da serie A".   Antonio Caputo