Politica

I SONDAGGI NELLE MANI DEL CENTRODESTRA. ELEZIONI POLITICHE. Centrosinistra, le ultime novità. Ecco perchè si sblocca la candidatura della Picierno, Oliviero domattina ufficializza l'adesione a Liberi e Uguali

Gennaro Oliviero, Stefano Graziano, Umberto Del Basso De Caro, Pina Picierno

Nel maggioritario il partito di Renzi ha possibilità pressochè nulle di far eleggere un candidato. Gli unici quasi sicuri di andare a Roma sono...


CASERTA - (g.g.) I sondaggi per la provincia di Caserta nelle mani del centrodestra segnano una prevalenza netta della propria coalizione che si attesterebbe, nella somma dei 4 partiti che la compongono, tra il 40 e il 42%, Grillo starebbe tra il 32 e il 35 mentre il pd sprofonderebbe sotto al 20%. ciò vuol dire che nei collegi uninominali sarà contesa tra il centrodestra e 5 Stelle mentre per quanto riguarda il proporzionale, questo sondaggio non serve a un tubo visto che occorrerebbero i dati partito per partito.

Serve, però, una cosa. Serve a Gennaro Oliviero per stabilire che lui, non ha alcuna possibilità di ottenere il posto di capolista alla Camera nel proporzionale del Pd, che oggi, dopo l'assoluzione dell'ex sindaco di Ischia Josi Ferrandino, primo dei non eletti alle elezioni europee, rende ancor più probabile e attuabile la candidatura di Pina Picierno che Renzi considera una super fedelissima perchè lui, nella prossima legislatura, che si preannuncia confusa e caotica solo di super fedelissimi ha bisogno.

Con un Josi Ferrandino ancora sotto processo per la vicenda delle forniture di Cpl Concordia e con una requistoria della procura che ha chiesto per lui 3 anni di reclusione, sarebbe stato difficile per il pd candidare una Picierno per poi far entrare al parlamento europeo un super inquisito. Dopo l'assoluzione, la questione si è appianata e dunque, dopo le sofferenze, per Ferrandino si preannuncia un annetto e qualcosa di comodi viaggi e di comodi soggiorni tra Bruxelles e Strasburgo.

Oliviero incontrerà, con ogni probabilità riservatamente, il presidente del Senato Piero Grasso che oggi pomeriggio sarà in provincia di Caserta, a partire da Casal di Principe che sembra una sorta di pellegrinaggio per chiunque faccia politica a sinistra in questo paese. Dopo averlo incontrato, riunirà di nuovo i suoi ed è probabile che domani mattina ufficializzi la sua candidatura per Liberi e Uguali. Potrà giocarsi la partita non facile, visto e considerato che nella circoscrizione Campania 2, l'adesione dell'ex ministro di Craxi Carmelo Conte al partito di D'Alema e Bersani, alzerà, con ogni probabilità la percentuale della provincia di Salerno rendendo complicata l'elezione di Oliviero che però, è uno che ha già dimostrato in passato di essere in grado di muovere molti voti in questo territorio.

Oliviero ha già fatto il suo calcolo: per esser eletto al posto del candidato Conte, Liberi e Uguali in provincia di Caserta, dovrà raccogliere un punto percentuale in più di quanto raccoglierà in provincia di Salerno. In caso contrario, dovrà giocare alla roulette dei ripescaggi con i resti in una sorta di collegione unico nazionale, come indica la tortuosissima, folle legge elettorale approvata che sta rappresentando un ostacolo impervio alla comprensione anche per chi è esperto ed è abituato a gestire fasi di questo tipo.

Per quanto riguarda il senato e il proporzionale, Umberto Del Basso de Caro viene dato per certissimo, ci sembra difficile dunque che possa esserci uno spazio per Graziano anchhe s enon si può mai sapere perchè in queste ore ci può essere qualche spostamento in altri collegi. Con l'irpino Famiglietti candidato al proporzionale per Benevento e Avellino e con il sindaco di Sant'Agata de Goti nonchè coordinatore provinciale del Pd di Benevento Carmine Valentino, candidato nell'uninominale maggioritario, il cerchio si chiude nel senso che sondaggi alla mano, la certezza o la quasi certezza dell'elezione che l'hanno solamente Pina Picierno alla camera e Del Basso De Caro alla Camera. Il resto è avvolto nellincognita e già per i numeri due delle liste in considerazione delle cifre basse che si preannunciano a Caserta per il Pd, siamo quasi all'impresa impossibile.