Cronaca Bianca

LE FOTO ESCLUSIVE. OSPEDALE DI CASERTA, pensano solo a spartirsi le poltrone. Guardate come è ridotta la stanza antisismica attigua alle incubatrici salvavita dei neonati

Una dietro l'altra le magagne di un ospedale che andrebbe chiuso per manifesta incapacità di chi lo dirige, ora e da anni


CASERTA -  Le priorità per il commissario straordinario Sarnelli sono rappresentate dalle vicende di potere collegate alle poltrone di primario e di super dirigente dei settori amministrativi e amministrativi apprestati a quelli sanitari. Che poi l'ospedale cada a pezzi o che ci piova dentro, questo non interessa all'ineffabile veterinario spedito da Napoli a Caserta. Guardate queste fotografie! Sono state scattate all'interno della cosiddetta stanza antisismica che si trova vicino al reparto di terapia intensiva neonatale. Insomma, dove ci sono le incubatrici e dove si cerca di salvare la vita ai neonati. Questo muro è venuto giù qualche mese fa e oggi, è ancora in queste condizioni. Calcinacci a terra ed un ulteriore pericolo che si potrebbe sviluppare in caso di eventi sismici che da queste parti, come hanno dimostrato gli ultimi episodi di due mesi fa, sono sempre in agguato. Poi, va aggiunto anche che i resti della parete sono stati anche accantonati e ordinati per la semplice sicurezza del luogo. Sarnelli, invece di apparecchiare delibere con cui dà 2000 euro in più al mese, al dirigente sessano Bartolomeo Festa, gli dicesse di occuparsi di questo schifo e se necessario, si mettano tutti e due la cazzuola in mano e pensassero al bene dei malati, alla qualità dei servizi e non solo ai quattrini da dispensare a questo o a quell'altro amico, amico degli amici, che ritorna utile quando ci sono le elezioni. Gianluigi Guarino