Sport

LEGAPRO. AVERSA vicina alla Polisportiva San Nicola

La società normanna, sempre attenta al sociale, ha dato vita ad un gemellaggio con la squadra di Casal di Principe, della parrocchia di don Peppe Diana


Il presidente normanno Spezzaferri, a sinistra, con i vertici della Polisportiva S. Nicola (foto: aversanormanna.it) Il presidente normanno Spezzaferri, a sinistra, con i vertici della Polisportiva S. Nicola (foto: aversanormanna.it) L'Aversa Normanna continua ad essere vicina alle realtà locali che, attraverso il calcio, sono attive nel sociale e compiono gesti utili al riscatto del territorio. Anche questa volta la società granata non si è tirata indietro, dando vita ad un gemellaggio con la Polisportiva San Nicola. La squadra di Casal Di Principe è quella della parrocchia di don Peppe Diana, il sacerdote ucciso dalla camorra venti anni fa all’interno della chiesa, nel giorno del suo onomastico. Allenatore di questo team composto da giovani calciatori è Luigi Baldascino, commissario di campo della Figc. A lui il presidente Giovanni Spezzaferri e l’ad Alfonso Cecere hanno regalato il pallone ufficiale della Lega Pro, firmato dai massimi dirigenti normanni e da tutti giocatori granata. Una lotteria, in cui verrà messo in palio il pallone, permetterà a Baldascino di raccogliere fondi per l’acquisto delle divise da gara. Spezzaferri e Cecere hanno, inoltre, invitato i ragazzi della Polisportiva San Nicola ad assistere al derby fra Aversa Normanna e Casertana, in programma il prossimo 13 aprile. Infine, grazie alla disponibilità del responsabile del settore giovanile granata Michele Orabona, ogni quindici giorni la Polisportiva San Nicola si allenerà a Trentola Ducenta, insieme agli under normanni. “Ringrazio il presidente Giovanni Spezzaferri e l’amministratore delegato Alfonso Cecere per lo splendido regalo del pallone della Lega Pro, con le firme di tutti i calciatori”, dichiara soddisfatto Baldascino. “Sarà sorteggiato sabato 12 aprile - afferma ancora Baldascino - e andrà al possessore del biglietto con il numero primo estratto sulla ruota di Napoli. Siamo una piccola realtà nata appena da quaranta giorni. Insieme a don Franco Picone, abbiamo dato la possibilità a circa venti ragazzi dagli 11 ai 17 anni di giocare a calcio. Ci alleniamo due volte a settimana sul campetto in cemento della parrocchia di San Nicola, quello creato da don Peppe. A volte andiamo su un campo nei pressi del Santuario della Madonna di Briano, in un terreno confiscato alla camorra. Abbiamo giocato anche alcune amichevoli. Svolgiamo tutto senza fini di lucro, con l’unico obiettivo di togliere i ragazzi dalla strada, insegnarli la dignità, il rispetto delle regole e del prossimo. Alcuni vivono una situazione di disagio economico, a tutti non facciamo pagare la retta. Il materiale, i palloni , le maglie ci sono stati regalati da altre società della Campania. Ora l’Aversa Normanna ci ha dato la possibilità di assistere al derby con la Casertana, di allenarci e partecipare agli stage a Trentola Ducenta. Tra i ragazzi ci sono due o tre elementi che, se seguiti, potrebbero dare grosse soddisfazioni. L’unico neo – conclude Baldascino – è l’assenza dei genitori, vorrei che ci seguissero di più”. La Polisportiva San Nicola è stata invitata alla festa di premiazione delle squadre partecipanti al torneo ‘Don Peppe Diana – Giochiamo insieme per la pace’, che si terrà a breve allo stadio ‘Bisceglia’.