Sport

SPORT, UISP. Il Presidente Piero Giani: "Il Macrico può essere un potente strumento di promozione dell'aggregazione sociale, ma anche della pratica sportiva"

Interessante intervista col Presidente Piero Giani che sottolinea l'attività della UISP e la sua posizione circa la destinazione d'uso del Macrico


U.I.S.P, il dott.Piero Giani, con il quale sono stati trattati svariati argomenti che spaziano dall’integrazione sociale fino all’utilizzo delle aree della città, in primis il Macrico. Il Presidente Giani esordisce con il chiarire gli obiettivi che la U.I.S.P si prefigge: “ Il nostro obiettivo è quello di diffondere il concetto di sport/cittadinanza, ovvero quello di coinvolgere cittadini di ogni età nella pratica dello sport. Il nostro motto infatti è Meglio bruciare calorie che arrugginire. Per fare ciò abbiamo già promosso tre manifestazioni quali Giocagin, il cui obiettivo è quello di promuovere l'integrazione sociale attraverso il rilancio dello sport, Bicincittà, manifestazione ormai storica, con la quale si vuole lanciare un messaggio di salvaguardia del territorio in particolar modo del centro storico nell'ottica di un città sempre più verde. Proprio per questo ci sarà una sosta del tour ciclistico nei pressi del Macrico. Ultima manifestazione che promuoveremo, per l'ennesimo anno, è il Summer basket, torneo cestistico organizzato nei campetti Nike, intitolati ad Emanuela Gallicola, nella quale migliaia di ragazzi, non solo casertani, si incontrano per affrontarsi su uno dei migliori playground della provincia. Non a caso proprio il campionato di pallacanestro, amatoriale, ma soprattutto l' Over 40, è il nostro fiore all'occhiello". Ha detto che uno degli obiettivi della U.I.S.P è quello della rivalutazione del territorio. Ci sono delle iniziative a riguardo? "Abbiamo nel nostro territorio zone meravigliose come quelle del lago del Matese ed il lago di Gallo che già stiamo cercando di rivalutare attraverso la promozione di sport invernali quali la scalata libera, le escursioni, la canoa". Quale, allora, il suo pensiero e quello del comitato territoriale, circa l'estesissima area dismessa del Macrico? "Siamo in completo disaccordo col progetto del sindaco Pio Del Gaudio di destinare l'area alla creazione di un polo aerospaziale. Caserta ha bisogno di un polmone verde oltre al parco della Reggia, poichè è una delle città col peggior rapporto area verde in relazione al singolo abitante. Se si vuole creare un polo aerospaziale, o qualsiasi altra attività, si possono recuperare aree industriali dismesse come quella della ex Saint Gobain. Il Macrico deve essere un parco urbano per la città, nel quale poter effettuare la pratica sportiva in completa autonomia, o come luogo di aggregazione.  Potrebbe attirare anche turisti che verrebbero a visitare la Reggia e che troverebbero nel parco un luogo di sosta gradevole". Ringraziamo il Presidente Piero Giani per il tempo che ci ha concesso. Andrea Massimo Canzano