Cronaca Nera

LA LETTERA. CASTEL VOLTURNO, calca, urla e spintoni al Comune. Contribuenti Tares infuriati

LA REPLICA DI CASERTACE. Il Municipio paga il costo della politica espansionistica degli ultimi 30 anni attuata in un territorio che ha avuto sempre un ente strutturato e concepito per un paesino.


LA LETTERA. Buongiorno Ive, lei che è sempre attento ai problemi dei cittadini del nostro territorio, credo che in questo momento gli stia sfuggendo la situazione vergognosa che ho vissuto martedì pomeriggio all'ufficio tributi del Comune di Castel Volturno per chiarimenti su una bolletta Tares (tra l'altro per un cantinato inesistente), unico sportello aperto per più di 500 utenti, una scena che mi ha rabbrividito. Ho visto gente ammassata come galline, tra spintoni, urla e persone che accusavano malore nella totale indifferenza di chi di dovere. Mi chiamo Domenico Capasso, raccolgo e riporto integralmente il disappunto di mia madre. Domenico Capasso   LA REPLICA DI CASERTACE. Il Comune di Castel Volturno, vuoi per le conseguenze del dissesto finanziario, vuoi perchè è un Muncipio che negli anni ha avuto sempre la struttura e la concezione organizzativa di un ente di un paesino, ma con i problemi di una città che d'estate raggiungeva anche le 90 utenze e d'inverno è stato sempre caratterizzato da circa 24mila abitanti dispersi lungo un territorio che parte dal Lago Patria e arriva al Lago Piatto, (per non parlare delle seconde residenze gonfiate nell'era della Dc e della presenza di extracomunitari), oggi può diventare teatro di scene come lei ha diligentemente descritto. In tale frangente è naturale che possano verificarsi problemi sulla qualità del servizio offerto dallo stesso Municipio ai cittadini. Un altro esempio di servizio critico, ad esempio è quello offerto dall'ufficio postale di Castel Volturno centro, dove la calca spesso esplode. Ovviamente, recepiamo la sua segnalazione a la rigiriamo al commissario prefettizio Contarino, sperando che possa avere gli strumenti idonei per prendere i giusti provvedimenti riguardo la sua segnalazione, anche perchè è in vigore un codice di comportamento dei dipendenti (CLICCA QUI PER LEGGERE) Max Ive