Sport

BASKET, JUVECASERTA l'importante è il risultato

Le difficoltà della Sutor ed un po' di cinismo sono state le chiavi della vittoria di ieri della Pasta Reggia.


53% (9/17) da tre:percentuale questa per la quale la difesa giallo-blu non è esente da colpe.Il dato che fa più storcere il naso a coach Molin è quello dei rimbalzi: 35 di cui 18 offensivi per Montegranaro contro i 21 di cui 5 offensivi di Caserta, il miglior rimbalzista bianconero è stato Carleton Scott con 6 rimbalzi di cui 1 offensivo. La sofferenza a rimbalzo sicuramente è dovuta alla mancanza di un ala piccola di ruolo nel roster di Recalcati che lo ha costretto a schierare spesso tre lunghi che sono riusciti ad avere la meglio sull'atletismo dei campani che, ad eccezione di Michelori, fanno molto poco taglia fuori. La pesantezza dei quintetti di Recalcati lo hanno costretto ad un abbondante uso della zona per limitare il mismatch in velocità con le ali bianconere, e facendo ciò ha prestato il fianco al tiro da tre punti della Juve. Nonostante lo spettacolo sia latitato agli occhi dei meno di 3000 spettatori paganti del PalaMaggiò, la Juve ha con cinismo portato a casa i due punti che, in particolar modo in questa fase della stagione, sono la cosa più importante di ogni partita. Emanuele Terracciano