Cronaca Nera

AGG. 17,26 TRUFFA PENSIONI. Ecco il nome del funzionario dell'Inps arrestato. 13 in manette, 25 indagati tra CASAL DI PRINCIPE e l'agro aversano

Operazione dei carabinieri del Comando Provinciale di Napoli


AGG. 17,26 - Nell’ambito di un’attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord su eventuali truffe commesse ai danni dello Stato, i Carabinieri della Compagnia di Casal di Principe e della Stazione di Villa Literno, e la Polizia di Stato della Squadra Mobile di Caserta e del Distaccamento di Casal di Principe, hanno dato esecuzione a 13 decreti di perquisizione locale, operando a Casal di Principe ed in altri comuni dell’agro aversano. Le indagini sono finalizzate ad individuare responsabilità penali in carico a soggetti, responsabili di aver organizzato l’indebita percezione dell’indennità di disoccupazione, erogata dall’I.N.P.S. in favore di diverse centinaia di operai, che risultano assunti principalmente da imprese edili dell’agro aversano. Nel corso delle perquisizioni è stata sequestrata varia documentazione ritenuta di interesse investigativo.   AGG. 16,14 - Il sistema era questo, secondo l'ipotesi accusatoria: il dipendente dell'Inps di Caserta, Massimiliano Servillo, napoletano trapiantato a San Nicola La Strada, assumeva le informazioni anagrafiche di ogni singolo pensionato e le trasmetteva ai suoi presunti complici, i quali, con un bel carico di carte di identità false (ecco a cosa servono quelle che vengono sistematicamente rubate nei Comuni di questa provincia), compilate con i nomi e le generalità di pensionati, appunto, che risultavano presenti negli elenchi degli istituti di credito erogatori, si presentavano allo sportello e si "fregavano" la pensione. Dunque, un solo funzionario dell'Inps di Caserta è stato arrestato. Gli altri destinatari di misure cautelari sono gli organizzatori del traffico e i beneficiari.   CASERTA -  Falsificavano documenti d'identita' utilizzando dati personali di ignari pensionati per invalidita' civile, sottratti da un dipendente dell'Inps di Caserta. I carabinieri del Comando provinciale di Napoli hanno arrestato questa mattina a Napoli e a Caserta 25 persone, nove sottoposte a misura cautelare in carcere, quattro agli arresti domiciliari e dodici con obbligo di dimora nel Comune di residenza, in esecuzione di un'ordinanza emessa dal gip a conclusione di un'indagine coordinata dalla Procura di Napoli. Le attivita' investigative condotte dai militari del Nucleo operativo della compagnia Napoli Centro sono iniziate nel gennaio 2012 a seguito di una segnalazione di tentata truffa pervenuta dai carabinieri in servizio presso la sede napoletana della Banca d'Italia. Le indagini hanno consentito di individuare un sodalizio criminale i cui componenti, con l'utilizzo di dati personali di ignari pensionati per invalidita' civile, che erano stati sottratti da un dipendente dell'Inps di Caserta, falsificavano i documenti di identita' delle vittime utilizzandoli per sostituirsi a loro e prelevare ingenti somme di denaro dai rispettivi conti correnti. Secondo l'accusa, l'associazione a delinquere era capeggiata da un soggetto gia' agli arresti domiciliari per reati analoghi, che si avvaleva tra gli altri di un dipendente dell'Inps di Caserta addetto presso l'Ufficio provinciale Pensioni e invalidita' civile e preposto per ottenere i dati personali di invalidi civili, di un falsario per la fabbricazione di documenti falsi, e di una serie di cosiddetti 'operativi', che impersonando i pensionati entravano nelle agenzie di credito, presso filiali di banche situate a distanza dal luogo di residenza delle vittime. I prelievi sono avvenuti in istituti di credito in Campania, Toscana, Lazio, Umbria, Marche, Emilia Romagna e Lombardia. Le indagini hanno consentito di individuare almeno 64 vittime, per un danno stimato di oltre 300mila euro. Sequestrato inoltre il laboratorio destinato alla produzione illecita di documenti e sono state tratte in arresto, in flagranza di reato, 13 persone ritenute responsabili del reato di utilizzo di documenti di identita' falsi, nell'atto di compiere le truffe presso vari istituti di credito.