Cronaca Bianca

MARCIANISE. Dopo la perdita del tribunale, soppresso anche l'ufficio del Giudice di Pace di via San Giuliano. Valentino a De Angelis: "Datevi da fare per evitarlo"

De Angelis ha convocato per lunedì prossimo il tavolo tecnico con i sindaci di Capodrise, Recale e Portico di Caserta


giovanbattista valentino       MARCIANISE – Con un decreto emanato lo scorso 11 marzo, il Ministero della Giustizia ha disposto la soppressione di numerosi uffici dei giudici di pace, tra i quali quello di Marcianise. Le attività degli uffici del giudice di via San Giuliano, di conseguenza, saranno accorpate a quelle dell’ufficio del giudice di pace di Santa Maria Capua Vetere, che, tuttavia, considerate le condizioni di sovraccarico di lavoro e mancanza di personale bastante nelle quali si trova, non riesce a far fronte alle proprie incombenze, figurarsi a quella di un’altra città, oltretutto numerosa come Marcianise. Ad evidenziare la portata della questione, soprattutto alla luce del fatto che la citta di Marcianise ha già subito la soppressione della sede distaccata del tribunale, con successivo disagio della classe forense cittadina, e che l’ulteriore soppressione degli uffici del giudice di pace comporterebbe enormi disagi per gli utenti del comprensorio (oltre a rappresentare una sconfitta in termini politici), è stato il consigliere Giovan Battista Valentino, che si è rivolto direttamente al sindaco De Angelis. “L’intervento del primo cittadino e dei suoi delegati – ha spiegato l’esponente d’opposizione – è indispensabile affinchè, con estrema urgenza, si adoperino per la convocazione di un tavolo congiunto con gli altri sindaci dei comuni limitrofi rientranti nella competenza territoriale del giudice di pace di Marcianise, e affinchè, seppure in maniera tardiva, si possa porre in essere ogni tentativo teso ad evitare, dopo quella della sezione distaccata del tribunale, anche la soppressione dell’ufficio del giudice di pace”. Pronta risposta da parte di Antonio De Angelis, che ha convocato per lunedì prossimo il tavolo tecnico con i sindaci di Capodrise, Recale e Portico di Caserta.   Maria Concetta Varletta