Sport

CASERTANA, le INTERVISTE - Ugolotti: "Non andiamo a Foggia per il punticino"

Mancino: "Ci aspetta un ambiente difficile. Da ex gli ho già segnato due gol, spero di ripetermi"


Casertana, Guido Ugolotti e Nicola Mancino, hanno parlato ai microfoni della stampa locale per presentare il match di domenica contro il Foggia (entrambi sono anche degli ex). UGOLOTTI - "Come procede la marcia di avvicinamento alla gara? In maniera tranquilla, abbiamo tutti a disposizione tranne Rinaldi che ha un problema alla schiena. Primo tempo con formazione quasi uguale a quella di domenica, un indizio? No, assolutamente. L'idea era di far fare a tutti 40 minuti. Dobbiamo vedere come giocheranno loro, ed in base a questo decideremo il nostro undici. Quale dovrà essere l'atteggiamento? Quello del primo tempo contro il Teramo, pressando, senza risparmiarsi. Se andiamo a Foggia per difendere, rischiamo di metterla nelle loro mani e ci penalizzerebbe. Due precedenti finiti 0-0, che gara si aspetta? All'andata mi hanno fatto una ottima impressione, con un 4-3-3 molto spregiudicato, senza buttare mai il pallone. La partita che stiamo preparando è per cercare di fare gol, non per fare il punticino. Che ricordi ha della sua annata pugliese? Ottimi, fu una stagione ottima e quando sono tornato mi hanno accolto bene, dando merito al lavoro profuso in quello spezzone di campionato". MANCINO - "Partita da ex, emozionato? Ci tengo tanto, allo Zaccheria troveremo tanta gente. E' bello giocare lì, sarà dura ma andiamo per vincere. Che accoglienza ti aspetti? Lì sono stati due anni e mezzo spettacolari, mi aspetto un clima abbastanza caloroso. Da ex gli ho già segnato due gol con il Siracusa, e lì mi hanno un  po' massacrato. Ma spero di ripetermi con la Casertana. Esulteresti? Certo. La tua posizione in campo, forse un po' troppo lontano dalla porta, ti penalizza? Ho giocato spesso largo, poi dipende sempre dall'avversario. Per me è uguale: largo a destra o dietro la punta, l'importante è che vinciamo". Raffaele Cozzolino