Politica

MARCIANISE. Piano occupazionale, la parola a De Angelis

MARCIANISE - COMUNICATO STAMPA -  “Non sono un venditore di fumo che pur di fare proclami finisce per speculare sulla grave situazione in cui vivono molte famiglie italiane in g


MARCIANISE - COMUNICATO STAMPA -  “Non sono un venditore di fumo che pur di fare proclami finisce per speculare sulla grave situazione in cui vivono molte famiglie italiane in generale, e marcianisane in particolare.  Per questo, prima di parlare della questione occupazionale ho preferito che le azioni messe in campo dalla mia amministrazione facessero intravvedere i primi risultati”. Con queste parole il sindaco Antonio De Angelis ha esordito all’assise dello scorso 10 marzo, relazionando sulle iniziative intraprese per fronteggiare l’emergenza lavoro che ha investito anche l’area marcianisana. “Mediante una nota, - ha continuato il primo cittadino - ho chiesto all’Unione Industriali ed alle associazioni dei commercianti di sottoscrivere protocolli di intesa per migliorare le possibilità occupazionali del territorio, per promuovere esperienze volte alla qualificazione professionale  e per garantire uno stabile inserimento nelle aziende della manodopera locale.  Ho disposto che gli uffici comunali competenti individuino misure di defiscalizzazione a favore di soggetti imprenditoriali che investono nella zona e di prevedere forme d’incentivo per coloro che assumono risorse locali. Ancora, ho scritto ai Dirigenti del III e del V settore affinché nel pieno rispetto della normativa vigente, nel conferimento degli appalti pubblici,  assicurino la rotazione delle imprese e individuino meccanismi che determinino punteggio, per eventuali futuri incarichi, a favore delle imprese che favoriscono l’impiego di lavoratori marcianisani. Sto continuando a sollecitare il Prefetto affinché  convochi un tavolo tecnico- istituzionale per discutere, e trovare soluzioni sovralocali al problema.  Ho infine  sottoposto ai vertici dell’Outlet la proposta di convenzione che avevo redatto insieme ai capigruppo di maggioranza, ricevendo disponibilità in merito”.