Cronaca Nera

PIGNATARO MAGGIORE. Come in un film: entrano in banca armati e a volto coperto e minacciano il direttore perchè gli apra la cassaforte: rubano 80mila euro e poi scappano. E' caccia ai due ladri

E' successo in Piazza Umberto I, presso la filiale dell’Istituto di Credito “San Paolo Banco Di Napoli”


PIGNATARO MAGGIORE - Nel primo pomeriggio, in Piazza Umberto I, presso la filiale dell’Istituto di Credito “San Paolo Banco Di Napoli” due soggetti, armati di pistole, hanno perpetrato una rapina. Erano le ore 15.00 circa quando il direttore, unitamente a quattro impiegati, alla guardia giurata e a 5 clienti, nell’accedere all’interno dei locali della banca, temporaneamente chiusi  per pausa pranzo, sono stati sorpresi da due soggetti, entrambi armati di pistola, con volto travisato e guanti calzati, che li stavano attendendo, essendo entrati da retrostante porta-finestra non allarmata. I due rapinatori, con marcato accento campano, dopo aver disarmato il vigilante della sua pistola beretta cal. 7,65 ed aver ritirato i telefonini di tutti i presenti hanno costretto, dietro la minaccia delle armi, il direttore ed il cassiere a farsi aprire cassaforte temporizzata e 1 roller cash da dove hanno asportato la somma contante di euro 80.000,00 circa. Successivamente, si sono allontanati utilizzando come via di fuga la stessa porta da cui erano precedentemente entrati, facendo perdere le proprie tracce a bordo di un'autovettura di media cilindrata, dove vi era ad attenderli un complice. Non ci sono stati feriti. Sulla rapina indagano i carabinieri della Compagnia di Capua e del locale Comando Stazione che immediatamente giunti sul posto hanno provveduto ad effettuato rilievi e ad ascoltare testimoni.