Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Solo qualche anno fa costretta “all’esodo”, adesso storica promozione in Prima Divisione per la R.Massaro di GRAZZANISE


      Dal 2009 la società di pallavolo non ha potuto più usufruire della tensostruttura in via Tonneta, adesso chiusa per problemidi agibilità, perchè impossibilitata nel pagamento di un’esosa caparra. La promozione è stata garantita dalla vittoria domenica scorsa contro la capolista Pietramelara GRAZZANISE – La difficoltà dell’autofinanziamento, i problemi con le strutture sportive dove allenarsi […]

    Nella foto la squadra R.Massaro

     

    Dal 2009 la società di pallavolo non ha potuto più usufruire della tensostruttura in via Tonneta, adesso chiusa per problemidi agibilità, perchè impossibilitata nel pagamento di un’esosa caparra. La promozione è stata garantita dalla vittoria domenica scorsa contro la capolista Pietramelara

    GRAZZANISE – La difficoltà dell’autofinanziamento, i problemi con le strutture sportive dove allenarsi e gareggiare, l’onere di portare a termine, anno dopo anno, con onore, ogni campionato. La squadra femminile di pallavolo R.Massaro nella sua storia sportiva ha conosciuto tantissime difficoltà. Ricordiamone una, la più triste: l’espatrio forzato a S.Maria la Fossa nella palestra dell’istituto E.Mirra. Logicamente niente di male, il campo è  a pochi chilometri da Grazzanise, ma avere una struttura nel proprio paese e non poterne usufruire per questioni di danaro dovrebbe rappresentare qualcosa di inaccettabile soprattutto se si tratta di sano sport.

    La R.Massaro dal 2009 non utilizza la tensostruttura in via Tonnetta, palatenda al momento chiuso per problemi di agibilità, perché non ha avuto i soldi per pagare l’esosa caparra per l’utilizzo della struttura. I giovani dirigenti chiesero anche una rateizzazione, ma si registrò solo il niet dell’amministrazione allora in carica.

    Fortunatamente la squadra ha resistito, ha chiesto aiuto alla vicina amministrazione fossatara e dall’esodo targato 2009 si allena e gareggia nella palestra delle scuole medie di S.Maria la Fossa.

    Acqua passata. Andiamo avanti. Guardare oggi  giocare le ragazze della Massaro e confrontare l’approccio alle partite che avevano  qualche anno fa significa registrare una crescita spaventosa sia dal punto di vista atletico sia dal punto di vista tecnico. Parte dei meriti vanno indubbiamente alle ragazze stesse, caparbie e sempre unite, ma bisogna sottolineare pure il lavoro e la passione profusa dal coach Antonio Parente; è soprattutto grazie alle sue urla e alle sue “cazziate” che la Massaro adesso gioca bene e vince.

    La squadra quest’anno raggiungendo il secondo posto ha conquistato una storica promozione in Prima Divisione. Un risultato prestigioso per un paese che al “femminile” non aveva mai vissuto momenti di così alto spessore agonistico.

    La compagine grazzanisana domenica si è scontrata contro, dati alla mano, la squadra più forte del campionato, il Pietramelara Volley. La squadra pietramelarese ,prima in classifica, è arrivata al “PalaMirra” con uno zero nella casella “sconfitte”, ma, finita la partita, quello zero ha lasciato il posto alla prima disfatta.

    G.T.

    QUI SOTTO LA CRONACA DEI 5 SET DEL MATCH R.MASSARO – PIETRAMELARA VOLLEY

     

    PRIMO SET

    Mister Parente schiera in campo la miglior formazione possibile, mettendo in campo le 7: come martelli il capitano Sauco e Gravante, i centrali Della Vecchia e Mirra, l’opposto Musco, il libero Orlando e in cabina di regia Mercurio. In panchina: Concu,Perillo,Bruno.

    Il Pietramelara sembra non risentire dell’assordante incitamento del pubblico e prende il primo margine con molta pazienza in difesa e una battuta precisa 4-8. Le atlete Grazzanisane sembrano intontite e poco lucide ma riescono comunque a riportarsi sotto con le schiacciate del capitano Sauco che avvicinano la capolista. 10-12. La maggiore esperienza però ha la meglio, e il Pietramelara mette a segno su ogni turno di battuta 3-4 punti decisivi. Mercurio cerca di servire a fasi alterne i laterali e i centrali che non riescono a mettere a terra palloni. Mister Parente cerca di scuotere le sue e chiama tutti i time-out disponibili, ma la risposta è flebile e poco incisiva. Pietramelara ha la meglio e si impone nel primo parziale 14-25.

    SECONDO SET

    Cambio in cabina di regia, Perillo sostituisce il palleggiatore titolare Mercurio. Parente durante il cambio campo striglia le sue a dovere ed è finalmente Massaro. L’inizio set segue gli strascichi del primo e le ragazze allenate da coach Masiello si portano ancora avanti all’inizio set 3-7. La carica la suona Perillo con una serie di 4 battute che mettono in difficoltà le avversarie. 7-7. La partita comincia a rispecchiare quelli che sono stati i valori messi in campo da tutte e due le compagini, osservando per lunghi tratti la parità assoluta. Rompe gli indugi Mirra che con due primi tempi nei 4 metri fa sentire che qualcosa è cambiato davvero. Cambio al centro con Bruno che sostituisce una nervosa Delle Vecchia. Ed è proprio il nuovo innesto che allunga, 18-15. Sarà il parziale fondamentale che porterà alla conquista del set da parte delle atlete locali. Si rivede finalmente una difesa attenta e un muro adeguato. Le nostre bocche di fuoco Sauco e Gravante chiudono il set con rispettivamente una difesa e un attacco che piega le mani alla seconda linea avversaria. 1-1 palla al centro. Il set si chiude sul risultato del 25-19.

    TERZO SET

    In campo scendono le atlete che hanno lasciato il quadrato opposto. Consce della propria forza e spinte da un pubblico caldo, le Grazzanisane non mollano nulla anche nel terzo set. Bruno che partiva dalla panchina fa valere le sue doti a muro e stampa a terra tutto ciò che le viene davanti, Orlando è un baluardo in difesa, una garanzia, non cade nulla! Parente non molla nulla e non lascia alle avversarie modo di ritornare alla carica, ogni due punti guadagnati dalle ospiti è pronto il time-out a spezzare gli equilibri. Rientra Della Vecchia per una stanca Mirra. Punto a punto e una maggiore determinazione in battuta, con Musco che fa valere le sue doti dai 9 metri, la Massaro si porta 5 punti avanti con Perillo che serve in modo eccellente le schiacciatrici che a suon di primi tempi e diagonali stendono il Pietramelara. Coach Masiello corre ai ripari chiamando time-out sul 19-14. Troppo tardi. Un muro di Della Vecchia stende al tappeto il Pietramelara che non gioca più. 25-18 e Massaro avanti di un set.

    QUARTO SET

    Il Pietramelara non ci sta e gioca il tutto per tutto sostituendo l’opposto titolare con l’innesto della giovane Compagnone. I ritmi nel Massaro si abbassano e il Pietramelara cerca la fuga. 4-9. Parente si sbraccia dalla panchina e cerca di dare morale alle sue, ma il suo intento si ferma sul 5-12 per le avversarie  esaurendo tutti e due i time-out. Ora c’è una sola squadra in campo. Le centrali avversarie fanno la voce grossa e mettono a terra palloni importanti fino al massimo vantaggio 10-19. Ma nel volley nulla è scritto e nulla è scontato. Coach Parente cerca, senza più time-out di scuotere la squadra, doppio cambio. Della Vecchia per Mirra e Concu per il capitano Sauco. Perillo ancora in battuta non ne sbaglia una, Gravante e Orlando issano una sorta di rete elastica che rimbalza da terra tutto ciò che sfidi la forza di gravità. Musco dice la sua e affonda i colpi al momento giusto. Masiello incredulo esaurisce i time out 13-19 e 16-19. Si assiste a qualcosa di straordinario, la palestra è una bolgia, il pubblico non crede ai suoi occhi, ed è ancora Concu che mette la firma. È parità 20-20. Adesso è solo questione di lucidità Della Vecchia e Bruno sono insuperabili e firmano il 24-22. Il volto del set è cambiato. Ma le insidie sono dietro l’angolo. Il Pietramelara rinviene 24-24. Lo sforzo immane fatto dalle atlete locali si risente in un calo fisico completo che portano il capitano Sauco, rientrata su Concu, a commettere due ingenuità difensive e il Pietramelara ringrazia, tirando un sospiro di sollievo. 24-26 e la parità regna sovrana ancora una volta.

    QUINTO SET

    Il calo fisico è un campanello d’allarme, lo sforzo fatto per recuperare i 9 punti di svantaggio nel set precedente preoccupano e non poco mister Parente. Il coach ridisegna il sestetto base e manda in campo dal primo punto Concu al posto di Sauco e Della Vecchia al posto di Mirra. Non si può più sbagliare è l’ultimo set e gli errori dovranno essere limitati al minimo. Ed è proprio così che si presenta la Massaro, con una determinazione e la voglia di far sudare le avversarie che non hanno precedenti. Inizia il set e proprio il cambio ai martelli sortisce l’effetto desiderato. Un lungo linea di alta scuola di Concu permette di sbloccare le battute iniziali del set. Parente ricambia ancora. Sauco al posto di Concu in battuta. Un cambio che ha ragione d’essere, perché il capitano Sauco vuole mettersi alle spalle gli errori del set precedente e dire la sua. Detto fatto 1-6 e time-out per Pietramelara. La partita indossa le vesti della carica agonistica più vera, il pubblico è in simbiosi con la squadra e Parente comincia il suo show. Sembra quasi voler entrare in campo. Le atlete ospiti non ci stanno e si riportano sotto,Parente non lascia un centimetro, time-out 6-4 Una difesa del capitano Sauco e un attacco che ancora rimbomba tra le mura amiche di Gravante e si và al cambio campo 8-5. È ancora Perillo che dice la sua in battuta 10-7. La Massaro viaggia a ritmi da Prima Divisione, Orlando è onnipresente, Musco difende ogni palla e la combinazione Perillo-Bruno sortisce un primo tempo da capolavoro. Il valzer dei cambi non finisce e come al ballo di fine anno le nostre atlete si trasformano in principesse. Concu rientra su Sauco. Gravante firma in battuta quello che sarà il parziale vincente. 14-10. Ora è questione di lucidità, le gambe si fanno pesanti e quel pallone diventa infuocato, lo sguardo del campo e della panchina diventa un tutt’uno. In battuta và Palumbo. La palla viaggia, sembra fuori, ma l’arbitro la chiama dentro. Rimangono 3 match point. La seconda battuta di Palumbo è il replay della prima, la palla viaggia, sorpassa le teste delle nostre giocatrici e come una benedizione e una liberazione, finisce oltre la linea dei 9 metri. Un urlo assordante si innalza. È VITTORIA!!! 15-11 e la Massaro infligge al Pietramelara la prima sconfitta stagionale.

    STATISTICHE E FORMAZIONI

    A.S.D. R. Massaro Grazzanise: 8 Bruno Roberta, 14 Concu Natasha, 26 Della Vecchia Cristina, 5 Gravante Simona, 30 Mercurio Valentina, 29 Mirra Assunta, 32 Musco Angela Maria, 1 Orlando Alessandra, 11 Perillo Marilena, 27 Sauco Caterina (Capitano).

    Dirigente accompagnatore: Raimondo Riccardo.

    Dirigente addetto all’arbitro: Tessitore Zaccaria.

    Allenatore: Parente Antonio.

    A.S.D. Pietramelara Volley: 3 Compagnone, 19 Conca, 31 Di Lauro, 7 Esposito (Capitano), 4 Fascia, 13 Landolfi, 8 Monè, 12 Palumbo, 15 Santagata, 2 Colapietro.

    Dirigente Accompagnatore: Sardo.

    Allenatore: Masiello Antonio.

    Parziali

    Primo set(14-25); Secondo set(25-19); Terzo set(25-18); Quarto set(24-26); Quinto set(15-11);

    Refertista: Visone Ferdinando.

    Arbitro:Cafaro Raffaele.

     

    PUBBLICATO IL: 13 maggio 2013 ALLE ORE 19:21