Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    L’INTERVISTA. Da PORTICO DI CASERTA a WIMBLEDON. Arriva la prima convocazione in Under 21 per Marcello Trotta


    Il calciatore: ” Aspettavo questa promozione già da un pò e finalmente è arrivata, è proprio questo il bello della vita, non si sa mai ciò che ci attende“ PORTICO DI CASERTA – Continua con successo la carriera di Marcello Trotta grazie alla prima convocazione con l’Under 21 guidata da Luigi Di Biagio per l’amichevole […]

    Il calciatore: ” Aspettavo questa promozione già da un pò e finalmente è arrivata, è proprio questo il bello della vita, non si sa mai ciò che ci attende

    PORTICO DI CASERTA – Continua con successo la carriera di Marcello Trotta grazie alla prima convocazione con l’Under 21 guidata da Luigi Di Biagio per l’amichevole con la B Italia che si terrà martedì ad Avellino.

    “Marcellino”, così è chiamato dai vecchi amici di Portico, ha iniziato molto presto  il suo percorso professionale, quando aveva appena 16 anni e infatti dopo essere diventato la punta di diamante della nazionale under 16 di mister Rocca, individuato dal Manchester City si trasferì a Londra dove gli venne offerto  un tutor per seguirlo negli studi.

    Nel settembre del 2009 firmo’ un contratto con la Fulham FC, la società di calcio londinese militante dal 2001 nella Premier League. Nel 2012 il giovane attaccante diventò capocannoniere del campionato riserve inglese firmando 15 gol in 14 gare.  Oggi “Marcellino” è sceso a far visita al suo paese anche se per soli pochi giorni,infatti andrà in raduno con la Nazionale e mercoledì ritornerà’ già a Londra: ” Aspettavo questa promozione già da un pò e finalmente è arrivata, è proprio questo il bello della vita, non si sa mai ciò che ci attende“.

    Eppure a giudicare dall’impegno e dalla determinatezza con cui già da piccolissimo si allenava sembrerebbe che sapesse già del suo futuro da campione quasi come se avesse conferma della ricompensa di ogni sforzo. Marcellino, che da piccolo ragazzino timido trascorreva le sue giornate in tuta nel campetto sportivo di Casalba, in realtà oltre ad avere grinta e determinazione da vendere è un ragazzo con un cuore grande legato alla sua famiglia, alle sue origini. Nonostante viva a Wimbledon è attualmente fidanzato con una ragazza di San Tammaro, persegue valori autentici, non sogna una velina anzi: “Per ora penso a realizzarmi  calcisticamente, – ha commentato Trotta – ho voglia di viaggiare e scoprire il mondo ma un giorno vorrei avere una famiglia con tanti bambini. Forse un pò alla volta riuscirò a diventare un grande calciatore. Se penso al mio passato ci sono tante cose che non ho fatto sacrificandole per il calcio ma è solo grazie alle tante rinunce che ho ottenuto questi risultati, per il pallone non ci dormivo la notte. A 16 anni andai a vivere a Londra lontano dai miei affetti, a volte immagino come sarebbe stata la mia vita se non fossi partito.  Londra , è una città molto ordinata, c’è molta più libertà e sicuramente una mentalità diversa. Al centro di Londra un giorno vidi un uomo scendere da una Ferrari in ciabatte. Londra è sicuramente molto diversa dal mio amato paese, che purtroppo sta vivendo una situazione particolare, mi riferisco alla Terra dei fuochi. Nonostante la lontananza  - ha concluso il calciatore - sono sempre vicino ai miei compaesani”

     Anna Salzillo

    PUBBLICATO IL: 15 dicembre 2013 ALLE ORE 19:21