Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    LEGAPRO. AVERSA, servono i goal


    Buon pareggio per mister Provenza a Poggibonsi. Ma per ottenere i punti indispensabili ad ottenere la LegaPro unica senza play-out il neo-allenatore dovrà lavorare anche sull'attacco, il secondo peggiore del campionato

    Esordio positivo per Provenza a Poggibonsi

    Esordio positivo per Provenza a Poggibonsi

    E’ dunque cominciato con un pareggio a reti bianche nella trasferta toscana di Poggibonsi, il minicampionato di Provenza. Un punto è stato guadagnato, 15 (ma forse anche 13, visto il ritmo ridotto che stanno seguendo le squadre avanti) ne mancano ancora per agganciare quell’ottavo posto, occupato dalla Vigor Lamezia, ora lontano 3 punti e che significa arrivare alla LegaPro unica del prossimo anno, evitando pericolosi play-out. Senza però dimenticare che l’Aversa è al 12esimo posto, con un solo punto di vantaggio sulla 13esima (il Tuttocuoio) che oggi andrebbe in serie D, senza nemmeno la speranza dei play-out. Insomma è bene guardare avanti ma, considerando che non si vince da 5 partite, dando sempre uno sguardo dietro. Anche perché dietro sembra vadano più forte che davanti: infatti le ultime tre domenica scorsa hanno vinto. Ed il fatto di dover affrontare, nelle prossime sette partite, squadre che sono dietro in classifica può anche essere un’arma a doppio taglio. Ma di questo parleremo in settimana.

    Intanto torniamo a Poggibonsi. Domenica scorsa l’Aversa Normanna ha ottenuto un buon pareggio e non era semplice dopo una settimana turbolenta e contro una squadra con le stesse difficoltà di classifica ed anch’essa con una nuova guida tecnica (Graziani). I granata hanno cominciato bene entrambe le frazioni di gioco, mostrato grande concentrazione, hanno battagliato a centrocampo e rischiato poco. Entrambe le formazioni hanno avuto le loro (poche) occasioni ed alla fine dunque il pareggio è sembrato giusto. Insomma, come detto anche da Provenza a fine partita, i suoi ragazzi “hanno mostrato un buono spirito di squadra, voglia di sacrificarsi e correre, dando sensazioni positive”.

    Ora bisogna lavorare sull’anemia offensiva perché, se un pareggio in trasferta è pur sempre un buon risultato, per fare i 15 (o 13) punti di cui sopra qualche partita bisogna pur vincerla. E per vincere le partite c’è bisogno di goal. Vero è che a Poggibonsi mancavano Orlando e Galizia, i due più prolifici della squadra, ma le 23 reti realizzate in campionato (solo 2 nelle ultime 5 partite) significano secondo peggior attacco del campionato (peggio solo il Gavorrano, ultimo) sono un campanello d’allarme preoccupante: su questo dovrà lavorare Provenza in settimana in vista del derby difficile contro un’Arzanese in grande ascesa.

    Redazione sportiva

     

    PUBBLICATO IL: 11 marzo 2014 ALLE ORE 14:04