Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    LEGAPRO. AVERSA pareggio in rimonta ed in 10


    Nel primo tempo l'espulsione di Esposito, nella ripresa le reti: Comini risponde a Del Sante. Ma l'ottavo posto ora è lontanissimo

    L'autore del pareggio, Comini

    L’autore del pareggio, Comini (foto: aversanormanna.it)

    VIGOR LAMEZIA – AVERSA NORMANNA 1-1

    VIGOR LAMEZIA (4-3-3): Piacenti; Rapisarda, Marchetti, Gattari (85’ Strumbo), Malerba; Meucci (71’ Carbonaro), Mangiapane (64’ Rossini), Giampà; Zampaglione, Del Sante, Longoni. A disposizione Bibba, Romano, D’Amico, Tozzi. Allenatore Costantino.

    AVERSA NORMANNA (4-4-2) D’Agostino; Gennari, Porcaro, Di Girolamo, Djibo; Comini, Gatto, Prevete, Esposito; Orlando, Galizia (83’ Tulimieri). A disposizione Salese, Nocerino, Romano, De Rosa, Di Vicino, Villanova. All. Provenza

    ARBITRO: Bichisecchi di Livorno (Argento e Vigo).

    RETI: 51’ Del Sante e 69’ Comini

    NOTE: Espulso Esposito al 43’ per condotta violenta. Ammoniti: Comini, Porcaro (A) e Zampaglione (V). Calci d’angolo: 8-4 per la Vigor Lamezia. Recupero 4’pt e 5’st

    Quarto pareggio consecutivo, ancora una volta in rimonta, per l’Aversa Normanna ed ottavo posto che rimane lontano cinque punti. A cinque giornate dalla fine a questo punto è meglio guardarsi le spalle e concentrarsi sui conservare i play-out, visto che il 13esimo posto, che significa retrocessione diretta in serie D ed attualmente occupato a pari merito da Martina Franca e Castel Rigone, resta lontano solo un punto mentre sale anche l’Aprilia, ora a -2 dagli aversani: dal terzetto Sorrento-Tuttocuoio-Chieti, al nono posto, all’Aprilia, quindicesima, ci sono 7 squadre in tre punti: quattro disputeranno gli spareggi e tre retrocederanno. E meno male che Poggibonsi ed Arzanese sono state fermate sul pareggio altrimenti la situazione sarebbe ancora più caotica e pericolosa per i normanni. La partita di ieri dei granata è stata senz’altro condizionata dall’espulsione di Esposito al 43’ per un brutto fallo su Longoni e che ha lasciato i compagni in dieci per tutto il secondo tempo: con la situazione di classifica dei normanni sarebbe meglio evitare simili gesti.

    Provenza rilancia D’Agostino tra i pali ed opta per un più prudente 4-4-2: preferendo Comini, piazzato sulla destra, a Di Vicino. A sinistra binario composto da Djibo dietro con Gennari, Di Girolamo e Porcaro ed Esposito davanti a completare il reparto con Gatto e Prevete. In attacco Orlando e Galizia. Nella Vigor Lamezia la coppia difensiva è composta da Marchetti e Gattari con Malerba a sinistra. A centrocampo c’è Giampà.

    Il primo tempo vede la formazione aversana provare a fare la partita, agendo soprattutto sulle fasce ma creando occasioni solo su calci piazzati. Infatti la prima occasione della partita è per i normanni ed arriva al 21’ quando, sugli sviluppi di un’azione di calcio d’angolo, Porcaro sotto porta colpisce di testa trovando però la prodigiosa respinta di Piacenti. Al 34’ scenario analogo: questa volta è colpire di testa è Di Girolamo ma ancora una volta il portiere di casa riesce ad evitare la segnatura. La partita vive solo su azioni da calcio da fermo ed al 42’ è Zampaglione, sempre di testa, a costringere D’Agostino alla deviazione in calcio d’angolo.

    Nella ripresa si comincia con i calabresi in vantaggio dopo pochi minuti: è il 51’ quando Malerba crossa per Del Sante che anticipa Di Girolamo e di testa batte D’Agostino.

    Al 59’ Vigor vicina al raddoppio con Del Sante il cui tiro finisce alto di un soffio. Al 61’ replica granata con Gennari che di testa manda il pallone di un niente a lato. Al 69’ il pareggio: calcio di punizione violento di Di Girolamo dalla distanza respinto da Piacenti in zona Comini che non perdona: 1-1.

    Al 75’ calabresi di nuovo vicini al goal con l’ex Zampaglione ma D’Agostino respinge di piede. Comincia una girandola di cambi che non produce occasioni da goal fino al recupero quando Piacenti in uscita anticipa Prevete con il pallone che finisce sui piedi di Gatto: tiro da metà campo e palla che lambisce l’incrocio dei pali.

    Redazione sportiva

    PUBBLICATO IL: 23 marzo 2014 ALLE ORE 17:33