Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    LEGA PRO. AVERSA, pareggio a Martina: ottavo posto più vicino, play-out più lontani


    Il pareggio normanno firmato da Galizia ed Orlando avvicina la Lega Pro Unica diretta (da -4 a -3) ma allontana il 12esimo (dalla parità a -1). Si deciderà tutto nelle ultime tre giornate. Non sfruttata quasi un'ora di superiorità numerica anche per l'ennesima espulsione: questa volta è toccato a Jogan

    Salvatore Galizia, oggi a segno

    Salvatore Galizia, suo il momentaneo 1-0

    MARTINA-AVERSA NORMANNA 2-2

    MARTINA (4-3-3): Modesti; Zampano, Salvatori (85’ Provenzano), De Lucia, Memolla (88’ Petrilli); Gai, De Martino, Ilari; Arcidiacono, Guadalupi (72’ Kalombo), Montalto.  A disp.: Leuci, Frasciello, Aperi, Masini. All. Napoli

    AVERSA NORMANNA (4-4-2): Russo; Gennari, Prevete, Di Girolamo, Djibo (46’ Jogan); Comini (78’ Villanova), Gatto, Suarino, Esposito (81’ Di Vicino); Galizia, Orlando. A disp: D’Agostino, Balzano, Nocerino, De Rosa. All. Provenza

    ARBITRO: Lanza di Nichelino (Cordesci e Grossi)

    RETI: 4’ Galizia, 5’ Ilari, 39’ Arcidiacono, 46’ pt Orlando

    NOTE: Espulso al 32’ De Martino ed all’84’ Jogan. Ammoniti Zampano e Memolla (MF) e Gatto (AN). Calci d’angolo 2-0 Martina. Recupero 3’ pt e 6’ st.

    L’Aversa Normanna torna da Martina con il sesto pareggio consecutivo. L’ottavo posto si avvicina di un punto, vista la sconfitta della Vigor Lamezia (ora lontana solo 3 punti) con il Messina, ma il Sorrento vittorioso con il Tutticuoio abbandona la compagnia dei normanni che vengono raggiunti dall’Aprilia, altra squadra squadra con cui i granata hanno gli scontri diretti deficitari, al 13esimo posto. Ora i granata sarebbero 14esimi ed a -1 dal 12esimo posto (occupato dalla coppia Chieti-Martina) che vale i play-out. Ma sarà bagarre in queste ultime tre giornate visto che ci sono 7 squadre in 3 punti, dall’ottavo al 14esimo posto: una sarà promossa nella Lega Pro Unica, due andranno direttamente in serie D e ben quattro affronteranno i play-out che però salveranno una sola squadra. La formazione aversana non gioca male ma non riesce a sfruttare quasi un’ora di superiorità numerica. La buona notizia è che ha ritrovato l’attacco, per la prima volta da gennaio a segno più di una volta.

    Provenza schiera Gennari terzino destro invece di Nocerino con Djibo confermato a sinistra ed al centro la coppia Prevete-Di Girolamo a difendere la porta di Russo. A centrocampo c’è Esposito esterno alto a sinistra con Comini sull’altra fascia e Gatto con Suarino al centro. In attacco Galizia affianca Orlando. Nel Martina, l’unica novità rispetto a quanto previsto è Guadalupi in attacco.

    Il primo tempo è molto combattuto ed entrambe le squadre giocano per vincere, visto che il pareggio servirebbe molto poco a tutti. La partita inizia con il vantaggio immediato dei granata. E’ il 3’ quando Galizia con un gran tiro dal limite dell’area di rigore batte Modesti.

    Ma la gioia normanna dura 1’. Ilari sorprende la difesa granata e fa 1-1. Al 32’ viene espulso De Martino per un fallo su Galizia. Ma nonostante l’inferiorità numerica i padroni di casa passano in vantaggio con Arcidiacono. L’Aversa non si arrende ed al 45’ trova il pareggio con Orlando.

    Nell’intervallo si prevede ancora grande spettacolo, con i granata favoriti per la superiorità numerica. Pensiero che evidentemente fa anche Provenza visto che la ripresa comincia con un assetto più spregiudicato con Jogan che rileva Djibo, Esposito arretra sulla linea dei difensori e la squadra si schiera con il 4-3-3. Al 55’ arriva l’occasione buona con Gatto il cui tiro destinato all’angolo viene parato da Modesti. I locali si affidano al contropiede ed al 60’ Montalto insidia Russo che si rifugia in calcio d’angolo. Al 71’ ci prova Orlando in acrobazia ma la palla finisce di poco a lato. La partita rimane apertissima ad ogni risultato ed un tiro di Gai viene deviato da Russo sul palo e finisce poi fuori. Provenza prova anche le carte Villanova e Di Vicino, per Comini ed Esposito ma l’espulsione di Jogan, forse esagerata, rovina i piani dei normanni.

    Redazione sportiva

    PUBBLICATO IL: 6 aprile 2014 ALLE ORE 18:11