Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    L’ANALISI CASERTANA tante azioni costruite, ma chi butta la palla in rete?


    Sull’onda della quarta partita consecutiva senza gol, tra amichevoli e gare valide per il primo turno eliminatorio di Coppa Italia di Lega Pro, proviamo a mette sotto la lente d’ingrandimento, quei giocatori della Casertana che vengono considerati prime punte ma che, numeri alla mano, dimostrano il contrario. La situazione è chiara: serve una punta CASERTA […]

    Nella foto Baclet, Varriale e Caturano

    Sull’onda della quarta partita consecutiva senza gol, tra amichevoli e gare valide per il primo turno eliminatorio di Coppa Italia di Lega Pro, proviamo a mette sotto la lente d’ingrandimento, quei giocatori della Casertana che vengono considerati prime punte ma che, numeri alla mano, dimostrano il contrario. La situazione è chiara: serve una punta

    CASERTA – La Casertana che sta nascendo è una squadra compatta che prova ad aggredire l’avversario, tenendo la difesa alta e tentando di fraseggiare il più possibile per liberare l’uomo sull’esterno per mettere al centro palloni invitanti per… nessuno. Non Ulisse, ma proprio nessuno. Coloro che vengono considerate prime punte nelle fila dei Falchetti sono Salvatore Caturano, Ciro Favetta, Vincenzo Varriale ed Alain Pierre Baclet. Nessuno di loro, nelle ultime quattro partite, ha fatto ciò che nel calcio è essenziale: mettere la palla oltre la linea di porta. Segnare. Far gioire i tifosi. Zero gol, zero gioie.

    Una sterilità offensiva che diventa allarmante se consideriamo comunque la buona mole di gioco che puntualmente crea l’undici di Eziolino Capuano. Una sterilità offensiva che non meraviglia chi del calcio è un attento osservatore, a 360 gradi. Per chi, del calcio, più che le idee, valuta i fatti e, quindi, i curriculm dei calciatori.

    Iniziamo da Ciro Favetta, il più giovane, classe 1994. Lui è una prima punta. Ma è acerba, inesperta e può essere considerato solo un ottimo rincalzo. Difficile pretendere da lui di mettersi sulle spalle l’attacco dei Falchetti. Il discorso si fa, relativamente, un po’ più complesso, parlando di Salvatore Caturano. E’ un esterno, non un bomber. I suoi numeri in zona gol, infatti, rispecchiano le sue caratteristiche: 95 presenze in Serie C1, tra Taranto, Viareggio, Ravenna, Andria Bat, Foligno e Paganese, solo 19 reti realizzate. E’ un classe ’90, ha tanti margini di miglioramento ma, ci ripetiamo, non è una prima punta. Sicuramente più esperto dei primi due è Vincenzo Varriale, classe 1982. Tante stagioni di Serie D ma anche in C2, la serie nella quale alberga ora la Casertana. In questa categoria ha avuto esperienze importanti come Juve Stabia ed Aversa Normanna ma lo score non è del tutto incoraggiante: 120 presenze, 30 gol. Una media di un gol ogni 4 partite. Un po’ pochi per essere il bomber di questa Casertana.

    Infine lui, la stella di questa campagna acquisti dei Rossoblù, “il Cristiano Ronaldo della Lega Pro”, come l’ha definito Capuano: Alain Pierre Baclet. Attaccante francese di origini ghanesi, cresciuto nelle giovanili del Lille, e che in Italia è arrivato a 18 anni. Proprio nella sua prima avventura nel Bel Paese, nel Russi, viene spostato al centro dell’attacco, dopo che aveva sempre ricoperto il ruolo di quarto a destra di centrocampo in un 4-4-2 o di esterno offensivo di un 4-3-3. In 26 partite, 7 gol. L’anno seguente viene preso dall’Arezzo che lo gira in prestito prima al Gela e poi alla Juve Stabia, per poi fargli disputare una stagione da titolare. Poi Lecce, Vicenza, Frosinone e Novara. In 8 stagioni totalizza 170 presenze, mettendo la palla nel sacco 32 volte. Poco. Da considerare che però raramente, in questi anni, ha giocato da prima punta unica, come ha fatto nelle prime partite con la Casertana. Quasi sempre ha fatto la seconda punta ed i numeri lo confermano.

    Dunque, il punto è semplice. Alla Casertana serve una prima punta. Dopo una buona campagna acquisti serve la gustosa ciliegina sulla torta, per sognare e, per essere più realisti, non avere rimpianti a stagione in corso.

    Raffaele Cozzolino

    PUBBLICATO IL: 29 agosto 2013 ALLE ORE 17:03