Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    JUVECASERTA – UMANA REYER VENEZIA 84-65 – LE PAGELLE


    di Agostino Terracciano Marco Mordente 6,5: il capitano bianconero guida alla perfezione, da buona chioccia, il gruppo di ragazzi terribili a disposizione di Molin. Mentre gli altri volano sopra il ferro, lui resta con i piedi per terra e mette a disposizione della squadra la sua grande esperienza e scienza cestistica. Grande difesa, 5 punti, […]

    di Agostino Terracciano

    Marco Mordente 6,5: il capitano bianconero guida alla perfezione, da buona chioccia, il gruppo di ragazzi terribili a disposizione di Molin. Mentre gli altri volano sopra il ferro, lui resta con i piedi per terra e mette a disposizione della squadra la sua grande esperienza e scienza cestistica. Grande difesa, 5 punti, 4 assist. Il nostro Marco controlla, senza strafare, ma si conferma importantissimo: è il cervello di questa squadra!

    Michele Vitali 7: prestazione da incorniciare per il numero 13 della Pasta Reggia. Sempre presente in difesa, una vera e propria spina nel fianco per l’ attacco della Reyer. Fa dannare l’ anima agli esterni lagunari, recupera palloni importanti ed è prezioso anche in attacco, con 11 punti messi a segno (4/7 da 2 e 1/3 da 3). Vuoi vedere che il più forte dei Vitali l’ha preso Caserta?!

    Claudio Tommasini 6: fa la sua parte. Coach Molin gli concede 16 minuti sul parquet e lui risponde “presente”. Bene in difesa, come tutti i compagni, riesce a catturare 4 rimbalzi e smazza anche 2 assist. Nell’ ultimo periodo si iscrive anche a referto con un 1/2 ai liberi.

    Andrea Michelori 6: non fa cose eccezionali ma fa tutto quello che è utile alla causa. Un po’ meno bene del solito in difesa, visto che nell’ultimo quarto patisce la differenza di passo con Andre Smith, che lo costringe al quarto fallo, ma comunque fondamentale. Mette a segno 4 punti in 12 minuti di utilizzo.

    Jeff Brooks 7: l’ ex Cantù, dopo un inizio di partita non proprio entusiasmante, per via dei 2 falli commessi su Smith. Poi la partita si mette in discesa per la Pasta Reggia ed è più facile anche per lui rientrare alla grande. Segna 10 punti senza commettere neanche un errore al tiro (3/3 da 2 e 4/4 ai liberi), è super in difesa con 3 recuperi, 1 stoppata data e 5 rimbalzi. Davvero una buona prova per lui, ma la cosa più bella è che ha dato la sensazione di poter fare ancora meglio. Attendiamo con ansia.

    Cameron Moore 8: l’ MVP di giornata. Certo dovrà ringraziare i compagni, soprattutto Hannah, per averlo servito a dovere, ma è anche vero che quelle palle alzate per aria bisogna sempre andarle a prendere e schiacciarle nell’anello. SuperCameron vola più in alto di tutti, piazza 3 schiaccioni sulle teste dei lunghi veneziani e gli fa passare una serata da incubo. Mette a segno 17 punti, tira giù 7 rimbalzi e costringe i difensori avversari a spendere ben 6 falli su di lui. Il lungo americano è il dominatore del pitturato e ci auguriamo di vederlo sempre così. Un giocatore del genere per la Juvecaserta è di importanza vitale.

    Chris Roberts 7,5: inizia sonnecchiando, poi si sveglia e chi lo ferma più? Prima vola a schiacciare, poi inizia a mitragliare la malcapitata Reyer, scava il solco e per Venezia si spegne la luce. Tira con il 60 % da 2 ed il 75 % da 3. E’ un piacere vederlo giocare. Una forza della natura!

    Stephon Hannah 6,5: il playmaker caciarone e pasticcione visto nel precampionato è solo un brutto ricordo. E’ pur vero che stasera si è giocato come piace a lui, ma si sa, è il play che deve dettare i ritmi e ciò vuol dire che il buon Stephon ha fatto un ottimo lavoro. Nei ritmi alti ci sguazza, il gioco in campo aperto è il suo pane quotidiano e gli assist spettacolari sono quello che gli riesce meglio, ne regala infatti ben 6 ai suoi compagni. Qualche palla persa di troppo sporca un po’ la sua prestazione che, impreziosita dagli 8 punti resta a referto, resta comunque molto buona. Avanti così.

    Carleton Scott 7: coach Molin lo chiama in campo dopo il secondo fallo di Brooks e Carleton ci mette qualche possesso ad entrare in partita, un tiro senza senso e poi eccolo pronto. Un gigante in difesa, 5 palle recuperate, 5 rimbalzi e 2 stoppate date. Si fa sentire anche in attacco con due bombe e 13 punti totali realizzati. Un giocatore importantissimo che può rivelarsi la vera arma in più per la Pasta Reggia.

    Domenico Marzaioli, Giovanni Marini, Antonio Salzillo s.v. : Nonostante il largo margine di vittoria, non c’è spazio stasera per i giovani gioellini di casa Juve.

    Coach Lele Molin 8: la sua Juve questa sera è una macchina perfetta. Ha fatto sì che i suoi ragazzi arrivassero all’esordio nella miglior condizione possibile. Conosce bene le enormi potenzialità ed i limiti della propria squadra ed è riuscito a fare in modo che la partita si mettesse proprio come voleva lui. Una grande difesa è la cosa più importante se vuoi fare in modo che la tua squadra sfrutti le sue mostruose doti in campo aperto e la sua straordinaria velocità, questo il coach ex Real lo sa fin troppo bene ed il lavoro svolto in palestra ha mostrato i suoi frutti già questa sera. Se tutti possiamo stropicciarci gli occhi davanti a questo capolavoro, lo dobbiamo in gran parte al coach, che non poteva sognare un esordio migliore nella Lega A. Complimenti

    PUBBLICATO IL: 14 ottobre 2013 ALLE ORE 11:18