Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CASERTANA, la sfida di Ugolotti: “Abbiamo un unico obiettivo, la promozione nella nuova Serie C”


    Pascarella: “Ora i giocatori non hanno più alibi. Il tifo è dalla loro parte, ora dimostrino sul campo cosa valgono”. CASERTA - Oggi, martedì, alle ore 18.00 si è tenuta, presso la sala stampa dello stadio Alberto Pinto, la presentazione del nuovo allenatore della Casertana: Guido Ugolotti. L’ex tecnico, tra le altre, di Grosseto e […]

    Nella foto, da sinistra, Fabio Andreozzi, Giovanni Pascarella, Pasquale Corvino e Guido Ugolotti

    Pascarella: “Ora i giocatori non hanno più alibi. Il tifo è dalla loro parte, ora dimostrino sul campo cosa valgono”.

    CASERTA - Oggi, martedì, alle ore 18.00 si è tenuta, presso la sala stampa dello stadio Alberto Pinto, la presentazione del nuovo allenatore della Casertana: Guido Ugolotti. L’ex tecnico, tra le altre, di Grosseto e Benevento, è stato introdotto al mondo rossoblù da Pasquale Corvino ed il presidente onorario Giovanni Pascarella, i quali hanno fatto gli onori di casa anche con Fabio Andreozzi, secondo di Ugolotti.

    A prendere per primo la parola è stato Pasquale Corvino: “Nell’augurare le migliori fortune al tecnico appena esonerato, diamo il benvenuto ad un allenatore esperto che siamo onorati di avere nel nostro progetto”. Ugolotti incassa gli auguri e risponde con grande tranquillità: “Devo ringraziare questa società per avermi dato questa possibilità. Personalmente ho tanta voglia di fare bene ma è la stessa voglia che ha la squadra, perchè vogliamo sentirci protagonisti. Ci siamo subito messi a lavoro, unica strada per fare bene. Ringrazio tutti per l’accoglienza e spero di raccogliere i risultati che la società mi ha chiesto”. Poi parola al vice, visibilmente emozionato: “Sono qui per dare una mano al mister, ringrazio la società per l’opportunità e lavoreremo per fare bene”. Pascarella si congeda in un semplice: “Benvenuto al mister, in bocca al lupo”.

    L’APPELLO DI CORVINO - Poi riprende il microfono Corvino, che parla, come nella conferenza stampa di presentazione dei neo arrivati Conti, Diana ed Agodirin, ai tifosi ed alla stampa: “Questa è una grande società, che ha preso i migliori giocatori. Però, per fare bene, ci vuole l’appoggio di tutti. Società, squadra, tifosi e stampa. Dobbiamo essere una grande famiglia. Non voglio vedere contestazioni, non voglio vedere i tifosi che fanno gli allenatori ma che si limitino a stare vicino alla squadra. Ai tifosi, inoltre, chiedo calma e tranquillità. Perchè, e questo lo dico anche ai giocatori, non è successo nulla. Il campionato è lungo, la squadra è forte, la classifica è corta. Da domani bisogna girare pagina ed archiviare queste settimane. Non buttiamo tutto a mare”.

    LE DOMANDE AL MISTER - Di seguito parola alla stampa che prova a tastare le prime sensazioni di mister Ugolotti. Come è stato il primo allenamento? “Di certo ho trovato un gruppo demoralizzato. Prima di diventare allenatore, sono stato giocatore e so che in queste situazioni non può esserci tranquillità. Quest’ultima ho provato a darla con qualche parola. Ma sono sicuro che con il lavoro, l’ottimo valore della rosa verrà fuori”. Che modulo vedremo? “E’ presto per parlarne, conosco qualche giocatore, alcuni li ho avuti, come Mancino e Baclet, ma è presto per parlare di come scenderemo in campo. L’unica certezza è la difesa a 4. Poi la rosa è di qualità ed avremo la possibilità di variare molto. Sarà la nostra forza”. Ha notato qualche carenza in organico? “Sarebbe assurdo che un allenatore subentrasse ed il primo giorno chiedesse alla società di comprare questo e quest’altro. Ho il compito di fare bene con questi ventidue ragazzi, che ripeto sono giocatori di qualità”. Dal punto di vista fisico, come ha trovato la squadra? “Per giudicare questo aspetto bisognerebbe fare qualche allenamento in più, parlare di ciò dopo uno solo sarebbe presuntuoso. Di certo ho trovato una squadra disposta a lavorare e spero che questa voglia ci sarà per tutta la stagione, di giorno in giorno”. Infine, timore del Martina Franca? “Nel calcio bisogna sempre avere timore di tutti. Di certo ero più tranquillo qualche giorno fa, quando non allenavo (ride ndr.). Scherzi a parte, affrontiamo una squadra che mentalmente starà sicuramente meglio di noi, anche perchè hanno vinto 3-0. Di sicuro dovremo essere umili e dobbiamo lavorare bene. Spero che i tifosi vengano allo stadio e ci sosterranno, perchè la situazione non è facile, senza il loro appoggio si complicherebbe ulteriormente”.

    LA STOCCATA - A questo punto, a sorpresa, la stoccata di Pascarella alla squadra: “Un attimo. Questa squadra, fino ad oggi ha avuto tutto. Dirigenza, pubblico e tifo. Ora tocca a loro fare bene, devono, da oggi in poi, assumersi le proprie responsabilità”.

    Raffaele Cozzolino

    PUBBLICATO IL: 17 settembre 2013 ALLE ORE 19:07